Renzi smentisce i “gufi”, ma il PIL non crescerà dello 0,9%

(Teleborsa) – Dopo tre anni di recessione, l’Italia è tornata a crescere, anche se leggermente meno di quanto previsto dalle stime più ottimistiche.

Matteo Renzi torna a fare un bilancio del 2015, questa volta non attraverso le enews, ma nella conferenza stampa di fine anno in occasione della quale il Presidente del Consiglio ha continuato a ripetere che i “gufi” hanno avuto torto.

Hanno avuto torto innanzitutto sulla ripresa dell’Italia: “un anno fa si diceva che c’era una stagnazione perenne, che il segno più non sarebbe mai tornato”, invece “se guardiamo ai dati quest’anno il PIL è tornato a crescere dello 0,8%, ed era previsto lo 0,7”, ha affermato. Anche se, a onor del vero, nel DEF di settembre il Governo aveva ritoccato le stime al +0,9%.

Come nell’enews pubblicata domenica, il Presidente del Consiglio ha elencato quanto fatto dall’Esecutivo, dichiarando poi che il via libera dell’Unione Europea alla flessibilità in bilancio è “scontato”.

Non è mancato un accenno alle banche alla luce delle polemiche generatesi dopo il salvataggio delle quattro popolari con conseguenti perdite per molti risparmiatori.

Renzi ha assicurato che coloro che sono stati truffati dalle banche che hanno beneficiato del salvataggio recupereranno i loro soldi.
“E’ una vicenda molto seria e abbiamo a cuore il destino di quelle persone. Chi ha subito dei danni deve sapere che lo Stato è dalla sua parte: faremo di tutto perché possa avere indietro i suoi soldi”, le sue parole.

Secondo il Premier c’è comunque un problema di “trasparenza” per i risparmiatori che vanno in banca per fare investimenti. “Esiste un grande tema di trasparenza perché se lei va in banca e deve firmare 47 documenti è più difficile farsi l’idea che sta facendo un investimento a rischio”. Sarebbe molto più chiaro invece “se le dessero un foglio solo in cui si capisce che sta facendo un investimento rischioso”. 

Renzi ha poi precisato che non vi sono altre privatizzazioni all’orizzonte mentre in tema di pensioni ha dichiarato che nel 2016 il Governo non cambierà il sistema pensionistico, ma potrebbe intervenire sulle pensioni d’oro.

Poi, una rassicurazione sulla solidità del sistema creditizio italiano, che non è assolutamente a rischio. “. “Non c’è un rischio sistemico e le banche italiane sono molto più solide di quelle di altri Paesi. Non cambierei il sistema bancario italiano con quello tedesco nemmeno sotto pagamento”, ha detto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Renzi smentisce i “gufi”, ma il PIL non crescerà de...