Regno Unito, PIL cala del 9,9% nel 2020: maggiore contrazione della storia

(Teleborsa) – L’economia britannica è crescita più del previsto nel quarto trimestre del 2020. Il PIL del Regno Unito ha evidenziato un aumento dell’1% su trimestre, dopo l’aumento del 16,1% registrato nei tre mesi precedenti. Il dato risulta leggermente superiore al +0,5% del consensus.

Secondo i dati dell’ONS (Office for National Statistics), che ha fornito la stima preliminare, la variazione tendenziale è indicata a -7,8%, dopo il -9,6% precedente, e contro il il -8,1% del consensus. Nonostante due trimestri consecutivi di crescita, il livello del PIL nel Regno Unito è quindi ben al di sotto del livello del quarto trimestre 2019.

Nel corso di tutto il 2020, il PIL si è contratto del 9,9%, segnando il più grande calo annuale del PIL del Regno Unito mai registrato. Il consesuns, secondo dati Refinitiv, era per un calo dell’8%.

Nel quarto trimestre del 2020 si sono verificati aumenti nei servizi, nella produzione e nelle costruzioni, anche se la produzione di queste industrie è rimasta al di sotto dei livelli pre-pandemia. C’è stata un’ulteriore ripresa dei consumi pubblici e, in misura minore, degli investimenti delle imprese.

(Foto: © Eros Erika / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Regno Unito, PIL cala del 9,9% nel 2020: maggiore contrazione della st...