Regling (MES): ripresa non prima del 2022, da discutere riforma su Patto di stabilità

(Teleborsa) – Almeno un altro anno di sospensione del Patto di stabilità e di crescita. È quanto crede che verrà sostenuto da tutti i Paesi europei Klaus Regling, il direttore del MES, anche se ha precisato che di tale misura non si è parlato alle riunioni dell’Eurogruppo e dell’Ecofin a Berlino.

Per Regling quando si tornerà a parlare di riattivare il Patto si discuterà anche della su riforma: “dovremo guardare a come riformare il Patto e dovremo capire se le economie si sviluppano in linea con le previsioni e quel punto bisognerà decidere quanto tornare alle regole di bilancio”.

Per quanto riguarda la ripresa economica il direttore tedesco del MES non crede che si tornerà ai livelli pre-crisi prima del 2022 ed è “molto probabile che il potenziale di crescita sia più basso dopo la crisi”. “La crisi – ha spiegato Regling nel corso di un evento ad Atene – sta distruggendo capitale umano e spinge le famiglie a risparmiare, e così mina la domanda“, oltre a portare “meno competizione e meno produttività”.

“Non sono d’accordo quando si dice che l’Europa è stata più colpita del resto del mondo”, ha poi aggiunto l’economista tedesco, facendo notare che a livello globale si stima che la pandemia provocherà la perdita del posti di lavoro per 400 milioni di persone. La crisi colpisce anche in maniera asimmetrica e per questo “è importante che vi siano misure Ue per prevenire disastrose divergenze”.

In futuro, ha concluso Regling, sarà “cruciale mettere l’economia su un percorso di crescita di lungo termine mentre si mantiene linea di bilancio prudente”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Regling (MES): ripresa non prima del 2022, da discutere riforma su Pat...