Reddito di cittadinanza, 900 mila domande accolte: i numeri dell’INPS

L'Italia appare ancora divisa, il numero maggiore di domande accolte si è registrato al Sud

Da quando è entrato in vigore il Reddito di Cittadinanza (così come la Pensione di Cittadinanza) la misura fortemente voluta dal M5s non ha fatto altro che alimentare il dibattito pubblico e politico. Trattandosi di una novità senza precedenti in Italia (e spesso criticata), i report che fanno chiarezza sugli andamenti delle domande presentate e accolte, nonché sull’impatto che il sistema ha avuto sull’occupazione, finiscono con l’attirare sempre – e inevitabilmente – l’attenzione dei media.

L’ultima analisi riguardante il reddito e la pensione di cittadinanza è stata fornita il 6 dicembre 2019 dall’Inps. Nella sezione del sito dell’Istituto dedicata agli “Osservatori statistici e altre statistiche” è infatti possibile prendere visione dei dati riportati dall’Osservatorio sul Reddito e Pensione di Cittadinanza riguardanti, nello specifico, i nuclei beneficiari al netto dei decaduti dal diritto. Le informazioni sono distinte per pensione e reddito di cittadinanza e sono riportate prima per ogni regione e poi nel loro totale.

Nei dati dell’Osservatorio Inps sono elencati i numeri relativi ai nuclei e alle persone coinvolte nonché l’importo medio mensile erogato (prima regione per regione e poi nel loro insieme). Dando un’occhiata all’analisi pubblicata emerge che, fino allo scorso novembre, sono state accolte ben 900 mila domande per il Reddito di Cittadinanza. Le stesse superano il milione se si tiene conto anche delle richieste relative al riconoscimento della pensione di cittadinanza.

Più della metà delle domande accolte sono state presentate al Sud e nelle Isole (ovvero il 60,4%), mentre la restante parte proviene dal Nord (24,4%) e dal Centro (15,2%). Il sussidio economico erogato dall’Inps tramite pensione o reddito di cittadinanza ha coinvolto, nel suo totale, ben 2.451.953 persone. Ancora una volta, anche in questa sezione, in vetta troviamo la Campania, dove il numero di persone coinvolte ammonta a 559.094, mentre a seguire troviamo Sicilia (454.930) e Puglia (234.067).

L’importo medio mensile erogato è stato pari a 522,15 euro per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, mentre un importo minore è stato erogato ai percettori della pensione di cittadinanza. Per questi ultimi, come riportano gli ultimi dati aggiornati dall’Inps, la cifra media mensile corrisposta è stata pari a 219,18.

Dati interessanti emergono anche a voler studiare l’analisi inversamente, ovvero partendo dalle regioni in cui il numero di persone coinvolte è stato minore rispetto alle altre sopra citate. In questo caso primeggia la Valle d’Aosta, dove i soggetti coinvolti sono stati poco più di 2 mila (1.920 per quanto riguarda il reddito di cittadinanza e solo 190 per la pensione di cittadinanza a voler essere precisi).

Cifre decisamente agli antipodi se paragonate a quelle del Sud che, ancora una volta, fanno luce su un’Italia spaccata in due.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Reddito di cittadinanza, 900 mila domande accolte: i numeri dell&...