Reddito di cittadinanza, tutto quello che dovremmo sapere (davvero)

Come funziona e cosa c'è da sapere sull'assegno che presto verrà erogato dallo Stato

Una tematica molto calda quella del reddito di cittadinanza: ecco cosa bisogna sapere sull’assegno erogato dallo Stato.

L’approvazione della nuova legge di Bilancio, prevede tra le altre cose, anche l’introduzione del reddito di cittadinanza a partire dal mese di aprile 2019. L’assegno nasce come una misura di contrasto: “Alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale, a garanzia del diritto al lavoro, nonché a favorire il diritto all’informazione, all’istruzione, alla formazione, alla cultura attraverso politiche volte al sostegno economico e all’inserimento sociale dei soggetti a rischio di emarginazione nella società e nel mondo del lavoro”. Questo è quanto si legge dall’articolo 1 del decreto.

Cosa bisogna sapere sul reddito di cittadinanza

L’importo verrà erogato ai beneficiari tramite una Card di Poste Italiane e dovrà essere utilizzato o prelevato entro il mese corrente. Sarà l’INPS a predisporre il modulo per presentare la domanda e lo stesso Istituto, in collaborazione con la Guardia di Finanza e con l’Agenzia delle Entrate, si preoccuperà di effettuare tutti i controlli necessari per verificare la veridicità delle informazioni fornite dai richiedenti.

Non tutti potranno usufruire dell’assegno, ma solo coloro che sono in possesso di determinati requisiti quali:

  • avere la cittadinanza italiana, di Paesi dell’Unione europea o con un permesso di soggiorno a lungo termine;
  • possedere la residenza italiana da almeno 10 anni e gli ultimi due in modo continuativo;
  • essere in possesso di un Isee non superiore ai 9.360€;
  • avere un patrimonio economico che non superi i 6.000€ (20.000€ per i nuclei familiari con persone disabili);
  • essere in possesso di un patrimonio immobiliare che non vada oltre i 30.000€ l’anno e che sia diverso dalla prima casa.

La durata del reddito di cittadinanza è fissata a 18 mesi, ma se il beneficiario è ancora in possesso dei requisiti, potrà ricevere una proroga di altri 18 mesi.

Il reddito di cittadinanza è collegato a percorsi di politica attiva, per cui il beneficiario sarà tenuto, pena il decadere dal sussidio, a partecipare a progetti utili alla società (otto ore alla settimana) e non potrà rifiutare tre proposte di lavoro “congrue”. Si tratta di offerte che vengono fatte al beneficiario in linea con il proprio percorso professionale e che rientrano entro un determinato raggio di chilometri dalla residenza del beneficiario.

Inoltre, dovrà sottoscrivere il patto per il lavoro con un centro per l’impiego o con un’agenzia per il lavoro, mentre coloro che necessitano di ulteriore formazione dovranno siglare con aziende o enti di formazione, il patto per la formazione. In questo senso, i centri per l’impiego e le figure dei navigator, ricopriranno un ruolo determinante, in quanto si occuperanno di supportare il beneficiario dell’assegno nella ricerca di una nuova collocazione lavorativa.

Reddito di cittadinanza, tutto quello che dovremmo sapere (davver...