Recovery Fund, l’Olanda frena: posizioni lontane, serviranno tanti negoziati

(Teleborsa) – L’Olanda frena gli entusiasmi intorno alla proposta di Recovery Fund presentata oggi da Ursula von der Leyen a Bruxelles. “Le posizioni sono lontane e questo è un dossier che richiede l’unanimità, quindi i negoziati richiederanno tempo”. La prima reazione al piano della Commissione Ue arriva da fonti diplomatiche olandesi: “E’ difficile pensare che questa proposta potrà essere il risultato finale di quei negoziati”.

L’eurodeputato olandese populista dell’Ecr, Derk Jan Eppink, si è spinto anche oltre: “La proposta della Commissione europea è quasi un colpo di Stato, siamo sulla soglia di un trasferimento di competenze senza precedenti attraverso cui il portafoglio di qualcuno passerebbe ad altri. I veti sono possibili e questo equivale per il Qfp (bilancio pluriennale Ue, ndr) o anche per le tasse europee che vengono ventilate e anche per eventuali indebitamenti della commissione che violerebbero l’articolo 311 del Trattato”.

“Siamo ad una sorta di Icaro che vola verso il sole, dobbiamo fermare questo ed è giusto sentire cosa pensano le persone che devono pagare”, ha aggiunto l’eurodeputato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Recovery Fund, l’Olanda frena: posizioni lontane, serviranno tan...