Recovery Fund, Busia: “Anac garante della trasparenza”

(Teleborsa) – “Non saremo nella cabina di regia perché siamo un’Autorità indipendente. Il nostro ruolo, legato anche al fatto che ci siano dei contratti pubblici, sarà certamente quello di cercare di garantire maggiore trasparenza possibile e vigilare sui contratti secondo quelli che sono i nostri compiti istituzionali”. Così Giuseppe Busia, Presidente dell’ANAC, in un’intervista rilasciata a Eurispes, chiarisce il ruolo dell’Autorità Nazionale Anticorruzione sui fondi in arrivo dall’Europa con il Recovery Fund.

“Vogliamo e vorremmo – ha proseguito – che questi fondi siano messi in trasparenza attraverso la banca dati nazionale dei contratti pubblici. Faremo vigilanza collaborativa, soprattutto laddove le spese sono maggiori – per legge lo facciamo già per grandi interventi pubblici –, crediamo di poterlo fare e questo per offrire, a chi governa la spesa, agli enti che controllano e ai cittadini, chiarezza su come si stanno utilizzando questi fondi. Questi fondi sono fondamentali per le prossime generazioni ed è giusto che tutti abbiano visione chiara di come si utilizzeranno seguendo gli interventi nel tempo“.

Quanto al Codice degli appalti, conclude Busia “è un Codice molto moderno; quello che forse serve è imparare ad usarlo bene, magari evitare di intervenire troppe volte – purtroppo la normativa sugli appalti è un cantiere sempre aperto, gli operatori, le stazioni appaltanti non riescono a sedimentarlo, noi stessi non facciamo in tempo ad offrire strumenti come bandi tipo che le disposizioni cambiano. Credo serva una buona comprensione di questo Codice che offre grandi potenzialità”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Recovery Fund, Busia: “Anac garante della trasparenza”