Recovery, appello di Berlino: “Non è tempo di veti”

(Teleborsa) – Nuova tegola sul Recovery Fund con le risorse a rischio slittamento. “Chiedo a tutti, nell’UE, di essere responsabili, non è tempo di veti ma di agire velocemente ed in uno spirito di solidarietà. In caso di blocco, gli europei pagherebbero un prezzo alto. Restiamo impegnati a risolvere le questioni” pendenti “al più presto”.

Questo “l’appello” del Ministro degli Affari europei tedesco e Presidente di turno del Consiglio Ue, Michael Roth, prima della videoconferenza Affari generali, commentando quanto avvenuto ieri alla riunione degli ambasciatori dei 27, dove i rappresentanti di Ungheria e Polonia hanno messo il veto su Bilancio europeo e Recovery Fund.

Si dice dispiaciuta e delusa Irene Tinagli, Presidente della Commissione Affari economici del Parlamento europeo, su La Stampa, sperando però “che la partita non sia chiusa: Polonia e Ungheria devono rendersi conto che più che un dispetto all’Europa fanno un danno ai loro cittadini che sono tra i principali beneficiari dei fondi Ue”. Per questo, invita l’Ue a pensare a “soluzioni innovative”, un Piano B per uscire dall’impasse che blocca il Recovery fund; inoltre suggerisce di valutare un’estensione di SURE per tamponare nei prossimi mesi gli impatti economici dell’emergenza coronavirus. “Non si può cedere alla retorica dei sovranisti, non solo polacchi e ungheresi, per cui l’Ue è un bancomat dal quale prendere soldi solo quando fa comodo – osserva – l’UE è un’unione di valori basata sul rispetto di alcune regole comuni”.

Sul Recovery “abbiamo proposto per esempio di aumentare al 20% l’anticipo ai governi perché molti Stati arriveranno al pagamento della prima tranche in serie difficoltà e quindi è giusto concedere maggiori risorse per avviare subito riforme e investimenti. Nel nostro testo manca il famoso freno d’emergenza che dà a un singolo Paese il potere di congelare i fondi a un altro, perché pensiamo che la ‘governance’ dovrebbe essere più comunitaria possibile. E per quanto riguarda le condizionalità crediamo serva più flessibilità”. “Bisogna però essere seri e soprattutto proporre decisioni condivise con altri Stati: considerato che abbiamo ancora aperto il negoziato sul Recovery occorre fare attenzione alle fughe in avanti – dice – io ho suggerito di riflettere su una possibile estensione di Sure. È uno strumento efficiente, necessario e di grande successo. Si potrebbe valutare se e come rafforzarlo in attesa del Recovery”. Mentre sul Mes è “difficile capire il vero motivo” per cui non è utilizzato. D’altronde al momento molti Stati non sembrano inclini a chiedere neppure i prestiti del Recovery, quindi potrebbero esserci altre considerazioni”.

“Lavoreremo nelle prossime ore e nei prossimi giorni con tutte le parti coinvolte per trovare una soluzione e credo che la troveremo”: queste le parole del Ministro degli Esteri Heiko Maas a proposito dell’ostruzionismo di Polonia e Ungheria sul bilancio pluriennale e sul Recovery Fund. “Abbiamo bisogno di una soluzione veloce e sono sicuro che l’avremo” ha proseguito.

(Foto: © andreykuzmin / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Recovery, appello di Berlino: “Non è tempo di veti”