Recordati, primo trimestre in flessione. Approvato piano triennale 2021-2023

(Teleborsa) – Il CdA di Recordati, multinazionale farmaceutica quotata sull’MTA di Borsa Italiana, ha approvato i risultati del primo trimestre dell’anno (in parte già diffusi) e il piano per il triennio 2021-2023, il quale prevede che lo sviluppo del gruppo continuerà a essere generato dalla crescita organica dell’attuale portafoglio prodotti accompagnata da acquisizioni e operazioni di business development mirate a rafforzare la presenza nei i segmenti in cui opera.

Nei primi tre mesi del 2021 i ricavi sono stati pari a 384,8 milioni di euro (-10,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, -6,8% a cambi costanti), EBITDA a 150 milioni di euro (-13,2%), l’utile netto a 89,9 milioni di euro (-19,2%) e l’utile netto rettificato a 104,4 milioni di euro (-16,6%). La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2021 evidenzia un debito netto di 852,6 milioni di euro, che si confronta con un debito netto di 865,8 milioni al 31 dicembre 2020. Il Free cash flow è stato pari a 110,2 milioni di euro nel periodo, in aumento di 20,9 milioni rispetto al primo trimestre del 2020 (prevalentemente per un minore assorbimento di capitale circolante).

Il 22 febbraio la società aveva reso pubbliche le previsioni per l’anno 2021, che prevedevano ricavi compresi tra 1.570 e 1.620 milioni di euro, EBITDA compreso tra 600 e 620 milioni di euro e un utile netto rettificato compreso tra 420 e 440 milioni di euro. Oggi Recordati ha annunciato che per l’anno 2023, compreso l’apporto di ulteriori acquisizioni che potranno essere finalizzate nel periodo sotto analisi, prevede di realizzare ricavi compresi tra 1.900 e 2.000 milioni, EBITDA compreso tra 720 e 760 milioni e un utile netto rettificato compreso tra 530 e 560 milioni di euro.

“Il primo trimestre dell’anno riflette il perdurare degli impatti della pandemia in tutte le aree geografiche in cui opera il gruppo, in particolare su prodotti legati a patologie influenzali stagionali – ha dichiarato Andrea Recordati, amministratore aelegato – La consueta disciplina sui costi, unitamente alla riduzione delle attività promozionali a seguito delle restrizioni, hanno consentito risultati operativi e utili in linea con le aspettative, seppur in riduzione rispetto al primo trimestre dell’anno precedente”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Recordati, primo trimestre in flessione. Approvato piano triennale 202...