Record contagi: Germania verso lockdown più rigido

(Teleborsa) – Non si ferma la marcia del coronavirus in Europa che attanaglia la Germania della Cancelliera Merkel dove, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati oltre 32 mila nuovi contagi, in netto aumento rispetto al venerdì della settimana precedente.

Ma c’è un altro dato ancor più preoccupante, quello che riguarda i decessi: con 604 vittime, sempre nelle 24 ore, superato il record di due giorni fa, pari a 568 morti, quando la cancelliera Angela Merkel, in un discorso al Bundestag, si era rivolta ai tedeschi – e ai Laender tedeschi, poco convinti di introdurre nuove restrizioni in vista del Natale – definendo “inaccettabile” il prezzo di un numero così alto di vittime.

Dal mese scorso, lockdown parziale, con ristoranti e bar chiusi e scuole e negozi aperti ma la Cancelliera ha più volte esortato i Laender tedeschi a introdurre misure più severe prima delle festività, incontrando però notevoli resistenze. Tuttavia, la maggior parte dei governi statali concorda e le nuove regole saranno discusse domenica dalla Merkel e dai governatori dei 16 stati federali.

Nel frattempo, il ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier ha annunciato che per ridurre il numero di contagi potrebbe essere necessario un “lockdown forzato” almeno fino al 10 gennaio.

Sulla stessa linea Horst Seehofer, ministro degli Interni, che ritiene indispensabile una stretta immediata. “Se aspetteremo fino a Natale, dovremo fare i conti per mesi con numeri alti”, ha detto a Der Spiegel. “Un lockdown è l’unica possibilità per riportare la situazione sotto controllo – ha detto – ma deve scattare immediatamente”

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Record contagi: Germania verso lockdown più rigido