RCS, perdita ridotta nel primo trimestre, punta al ritorno all’utile nel 2016

(Teleborsa) – RCS ha chiuso i primi tre mesi del 2016 con una perdita netta pari 22 milioni di euro, in miglioramento rispetto al rosso di 35,2 milioni dei primi tre mesi 2015.

“Il piano industriale 2016-2018 sta procedendo speditamente – ha commentato l’Ad Laura Cioli – tutti i progetti che abbiamo annunciato a dicembre sono avviati e stanno dando buoni risultati”. Le prime evidenze sul semestre “ci consentono di confermare risultati in deciso miglioramento rispetto al medesimo periodo del 2015” e “l’obiettivo del ritorno all’utile entro il 2016”. Ora più che mai “siamo concentrati e focalizzati sul fare, nel modo più veloce, efficiente ed efficace”.

Attesi anche ricavi stabili rispetto al 2015 e un net cash flow in pareggio. 

Il Cda di RCS, è stato aggiornato in merito all’avanzamento della trattativa in corso con le banche finanziatrici. I legali delle parti – spiega una nota del gruppo editoriale – hanno finalizzato il Term Sheet, che aggiorna i principali termini e condizioni del contratto di finanziamento in essere, complessivamente migliorative per la società e coerenti con le relative previsioni di piano. Ad oggi, due banche hanno confermato alla società che i propri organi deliberanti hanno approvato la rimodulazione, le restanti banche presenteranno il Term Sheet con parere favorevole ai rispettivi organi deliberanti entro un mese. L’approvazione della rimodulazione delle condizioni del contratto di finanziamento da parte delle banche deve essere effettuata all’unanimità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

RCS, perdita ridotta nel primo trimestre, punta al ritorno all’u...