RCS Mediagroup, Cairo rilancia ma non supera l’offerta di Bonomi & Co

(Teleborsa) – Il CdA di RCS Mediagroup, la società che edita il Correte della Sera, ha ritenuto “non congruo” il prezzo dell’OPA lanciata da Bonomi, che guida la cordata dei “soci storici” del gruppo editoriale. Un’offerta che però risulta ancora superiore all’OPS migliorativa di Cairo, che ha deciso di rilanciare rispetto all’offerta originaria.

L’OPA dei vecchi soci valutava le azioni RCS 0,70 euro, poco più di quella concorrente di Cairo. Invece, l’analisi effettuata dall’esperto indipendente Roberto Tasca indica un range di 0,80-1,13 euro, con valore intermedio a 0,95 euro, sostanzialmente allineato alla fairness opinion di Citigroup (0,93-1,31 euro) e di UniCredit (0,86-1,26 euro).

Il Piano della cordata guidata dalla Investindustrial però è stato giudicato positivamente, perché concentrato su “opportunità di crescita” e coerente con il piano industriale di RCS e le sue strategie di posizionamento e rilancio. Secondo il Board, il piano di Investindustrial “richiama gli elementi salienti del piano Industriale RCS e nello specifico: efficientamento; sviluppo dei ricavi digitali; rafforzamento del business news; dismissione delle attività non core”

Infine, il CdA ha preso atto e valutato positivamente l’intenzione dichiarata da Bonomi di mantenere lo “status di società quotata” di RCS. 

In concomitanza, si è tenuto anche il CdA di Cairo Communication, che ha approvato il rilancio della sua offerta, anche se il corrispettivo resta al di sotto di quello dell’OPA Bonomi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

RCS Mediagroup, Cairo rilancia ma non supera l’offerta di Bonomi...