Rally gas affonda le borse europee e l’euro

(Teleborsa) – Vendite sulle borse europee, per i timori legati alla stretta sulle forniture di gas da parte della Russia. Soffre anche la piazza di Milano dove si è mosso in contro tendenza il titolo di Eni grazie all’annuncio in mattinata della scoperta di un giacimento di gas al largo di Cipro.

Sul mercato valutario, scambi in ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che accusa una flessione dello 0,97%. Lieve calo dell’oro, che scende a 1.735,9 dollari l’oncia. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 89,31 dollari per barile, con un ribasso dell’1,60%.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +229 punti base, con un lieve rialzo di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 3,58%.

Tra gli indici di Eurolandia tonfo di Francoforte, che mostra una caduta del 2,32%, sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,22%. Lettera su Parigi, che registra un importante calo dell’1,80%. Pioggia di vendite sul listino milanese, che termina con una pesante flessione dell’1,64%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share è crollato dell’1,90%, scendendo fino a 24.647 punti.
Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,45 miliardi di euro, con un incremento del 25,43%, rispetto ai precedenti 1,16 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,34 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,46 miliardi.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Recordati (+1,66%), ENI (+1,61%), Snam (+1,34%) e Terna (+1,11%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Saipem, che ha archiviato la seduta a -6,04%.

Scende Moncler, con un ribasso del 4,56%.

Crolla Telecom Italia, con una flessione del 4,25%.

Vendite a piene mani su Stellantis, che soffre un decremento del 4,10%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Alerion Clean Power (+7,84%), Saras (+3,26%) e Wiit (+2,26%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Mfe A, che ha chiuso a -5,80%.

Vendite su Banca MPS, che registra un ribasso del 5,52%.

Pessima performance per OVS, che registra un ribasso del 5,22%.

Seduta negativa per Banca Ifis, che mostra una perdita del 4,08%.

Tra le grandezze macroeconomiche più importanti:

Martedì 23/08/2022
02:30 Giappone: PMI manifatturiero (preced. 52,1 punti)
10:00 Unione Europea: PMI servizi (atteso 50,5 punti; preced. 51,2 punti)
10:00 Unione Europea: PMI composito (atteso 49 punti; preced. 49,9 punti)
10:00 Unione Europea: PMI manifatturiero (atteso 49 punti; preced. 49,8 punti)
15:45 USA: PMI servizi (atteso 49,1 punti; preced. 47,3 punti).