Rallenta la crescita nei paesi dell’OCSE

(Teleborsa) – Rallenta la crescita economica nelle economie sviluppate dell’OCSE, in gran parte a causa dell’indebolimento negli Stati Uniti che per gli analisti si rivelerà temporaneo. 

Durante l’incontro in Turchia, domenica e lunedì, le 20 grandi economie hanno riconosciuto che la crescita economica è stata “irregolare” e continua ad essere più debole delle aspettative. 

Nel terzo trimestre dell’anno, il PIL segna un aumento dello 0,4% rispetto al +0,6% del trimestre precedente.

L’Organizzazione per la Cooperazione Economica, che ha fornito i dati, ricorda che l’economia degli Stati Uniti ha frenato bruscamente (PIL allo 0,4% da +1%) così come la Gran Bretagna (+0,5% da +0,7%). L’economia del Giappone resta invece stagnante segnando un calo del prodotto interno lordo dello 0,2% come il mese precedente.

Si indebolisce anche la crescita nell’Eurozona, con il PIL che segna una salita dello 0,3% dal +0,4% e +0,5% dei trimestri precedenti: la Germania mostra una crescita anemica (a +0,3% dal precedente +0,4%) mentre la Francia accelera a +0,3% da zero.

Quanto all’Italia, il PIL registra una crescita dello 0,2% inferiore al +0,3% del secondo trimestre.

Rallenta la crescita nei paesi dell’OCSE