Quayola a Palazzo Cipolla: l’arte sposa l’intelligenza artificiale

(Teleborsa) – Quayola ospite a Palazzo Cipolla a partire dal 29 settembre. La mostra monografica dell’artista, fra i massimi esponenti della media-art internazioale, viene e ospitata a Roma dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, presieduta da Emmanuele Emanuele, ed abbraccia quasi tutta la sua produzione dal 2007 al 2021.

Un viaggio immersivo nell’arte di Quayola, da sempre animata da un confronto permanente tra l’educazione classica e l’uso quotidiano dei mezzi di espressione visiva più futuristici. Avvalendosi di sistemi robotici di intelligenza artificiale e stringhe di codice generativo, Quayola ricodifica la storia dell’arte attraverso una nuova prospettiva. Non utilizza gli algoritmi solo o semplicemente per creare delle opere d’arte, ma ci restituisce strumenti indispensabili di lettura della nostra società contemporanea.

Il progetto espositivo si sviluppa in tre aree tematiche: iconografia classica, sculture non finite e tradizione della pittura di paesaggio. La mostra, curata da Jérôme Neutres e Valentino Catricalà, è stata realizzata da Poema con il supporto organizzativo di Comediarting e Arthemisia.

Una esposizione che si inserisce nel solco dell’ormai più che ventennale programmazione dello spazio espositivo di Palazzo Cipolla, che il Presidente della Fondazione, con spiccata sensibilità e lungimiranza, ha fin dal principio rivolto ad indagare le tendenze e le manifestazioni più significative dell’arte in tutte le sue forme ed epoche.

Quayola ha esposto in importanti contesti internazionali quali il V&A Museum, Londra, Park Avenue Armory, New York, e il Palais de Tokyo, Parigi, per citarne alcuni. Ha partecipato a Biennali come quella di San Paolo e numerosi festival tra i quali il Sundance Film Festival di Park City. Ha vinto premi prestigiosi come il Golden Nica dell’Ars Electronica Festival.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quayola a Palazzo Cipolla: l’arte sposa l’intelligenza art...