Qualcomm in bella mostra dopo la trimestrale

(Teleborsa) – Brilla la compagnia tech statunitense, che passa di mano con un aumento del 3,18% sul listino del Nasdaq. A spingere gli acquisti sono i conti migliori delle attese, grazie alla forte domanda di microprocessori. In particolare i ricavi sono scesi del 5% a 5,9 miliardi di dollari mentre l’utile è diminuito dell’89% a 200 milioni.

L’utile per azione è pari a 92 centesimi, ben 11 cent sopra il consensus.

A pesare sui conti è ancora una volta la battaglia legale con Apple su una proprietà intellettuale, che non verrà chiusa prima della seconda metà del 2018. 

A livello operativo, le implicazioni di medio periodo di Qualcomm confermano la presenza di un trend rialzista. Tuttavia lo scenario a breve evidenzia un esaurimento della forza positiva al test di resistenza individuato a 55,94 dollari USA con primo supporto visto a 54,12. Le attese sono per un’estensione negativa nei tempi opportunamente brevi verso quota 53,08.

Le indicazioni non costituiscono invito al trading.

(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Qualcomm in bella mostra dopo la trimestrale