Punta al rialzo la performance dei mercati europei

(Teleborsa) – Bilancio positivo a fine giornata per i mercati finanziari del Vecchio Continente. Gli acquisti diffusi interessano anche Piazza Affari, mentre si muove in lieve rialzo la borsa di Wall Street con l’S&P-500 che evidenzia un incremento dello 0,61%. Il sentiment degli investitori viene sostenuto dalla speranza che la stagione delle trimestrali porti buone notizie su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Sul mercato valutario, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,19%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,29%. Segno più per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento dell’1,15%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +105 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,93%.

Tra i listini europei giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,27%, ferma Londra, che segna un quasi nulla di fatto, e trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia. Piazza Affari archivia la giornata con un guadagno frazionale sul FTSE MIB dello 0,25%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 28.938 punti.
Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,88 miliardi di euro, in deciso ribasso (-18,54%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,31 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,59 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,51 miliardi.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, svetta Enel che segna un importante progresso del 2,53%.

Bilancio decisamente positivo per Exor, che vanta un progresso dell’1,39%.

Buona performance per Saipem, che cresce dell’1,34%.

Sostenuta Tenaris, con un discreto guadagno dell’1,26%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Intesa Sanpaolo, che ha terminato le contrattazioni a -1,63%.

Sotto pressione Telecom Italia, con un forte ribasso dell’1,20%.

Soffre Poste Italiane, che evidenzia una perdita dell’1,09%.

Giornata fiacca per Leonardo, che segna un calo dello 0,93%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Saras (+5,14%), Alerion Clean Power (+4,95%), El.En (+4,92%) e Falck Renewables (+3,31%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su doValue, che ha terminato le contrattazioni a -4,42%.

In caduta libera Zignago Vetro, che affonda del 2,78%.

Pesante Esprinet, che segna una discesa di ben -2,5 punti percentuali.

Seduta drammatica per Sesa, che crolla del 2,40%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Punta al rialzo la performance dei mercati europei