Pubblicità, Nielsen: raccolta crolla a marzo

(Teleborsa) – Nel primo trimestre 2020 gli investimenti pubblicitari nel nostro Paese hanno registrato un calo del 9,2% a 1,92 miliardi di euro con marzo che ha avuto una “caduta drammatica” del 29% (594,6 milioni) colpito in modo rilevante dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. Lo dicono i dati Nielsen presentati da Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen – nel corso di un webinar sull’andamento della pubblicità nel primo trimestre – secondo il quale “a fine anno credo che avremo un numero negativo a doppia cifra ma non con un due davanti”.

“E’ una crisi assolutamente anomala che ci ha colto tutti impreparati per le dinamiche che si è portata dietro da un momento all’altro – ha commentato Dal Sasso – gli investitori e le agenzie hanno dovuto cambiare da un momento all’altro in modo importante. Una ripresa ci sarà ma difficile vedere una ripresa a “V”, (profonda recessione e ripresa veloce, ndr) probabilmente sarà a “U” (ripresa più lunga, ndr).

“Il trend della pubblicità seguirà quello dei consumi: dobbiamo avere il coraggio di favorire la ripresa dei consumi mettendo a disposizione delle famiglie liquidità: molto della ripresa dei consumi dipenderà dalle politiche pubbliche e dalla loro rapidità” ha aggiunto Lorenzo Sassoli de Bianchi, Presidente UPA, associazione italiana degli investitori pubblicitari.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pubblicità, Nielsen: raccolta crolla a marzo