Prove di rimbalzo per le borse europee

(Teleborsa) – Partenza positiva per le principali borse europee grazie ai segnali di distensione nei rapporti tra Stati Uniti e Cina, sui temi commerciali. Il Ministero del Commercio cinese ha confermato che i negoziatori statunitensi visiteranno la Cina, la prossima settimana, per il primo confronto diretto tra le due potenze da quando i capi di stato dei due Paesi si sono incontrati all’inizio di dicembre.

A migliorare il sentiment contribuisce inoltre la notizia che negli Stati Uniti la Camera ha approvato la legge di bilancio per porre fine allo shutdown governativo in vigore dallo scorso 22 dicembre.

Sul fronte macro, il focus è sulle rilevazioni sul mercato del lavoro americano a dicembre.

Sul mercato Forex, nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,141. L’oro viaggia a 1.294,9 dollari l’oncia. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno del 2,04%.

Scende lo spread, attestandosi a +265 punti base, con un calo di 7 punti base, mentre il BTP decennale riporta un rendimento del 2,82%.

Tra le principali Borse europee in luce Francoforte, con un ampio progresso dello 0,99%. Andamento positivo per Londra, che avanza di un discreto +0,74%. Ben comprata inoltre Parigi, con un forte rialzo dello 0,75%. Seduta positiva per il listino milanese, che mostra un guadagno dell’1,12% sul FTSE MIB.

petrolio (+1,73%), bancario (+1,57%) e materie prime (+1,15%) in buona luce sul listino milanese.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo gli energetici come Saipem (+3,24%) ed ENI (+1,95%). Tra le banche, bene UBI Banca (+2,23%) e Unicredit (+2,15%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Amplifon, che ottiene -0,62%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Banca Ifis (+3,41%), Anima Holding (+2,68%), Biesse (+2,58%) e OVS (+2,36%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Mondadori, che continua la seduta con -1,04%.

Prove di rimbalzo per le borse europee