Private equity, giù la raccolta nel 1° semestre

(Teleborsa) – Crollano gli investimenti del private equity, a causa dell’incertezza politica ed economica europea, che hanno pesato sui risultati del primo semestre. E’ quanto emerge dall’ultima analisi di Aifi, l’associazione che rappresenta gli operatori del private equity e del venture capital, presentata a Milano e condotta in collaborazione con PwC Deals.

La prima parte dell’anno ha registrato una raccolta complessiva (sul mercato e captive, cioè proveniente dalla casa madre) pari a 435 milioni di euro, in calo del 77% rispetto al primo semestre del 2018. 410 milioni sono stati raccolti sul mercato, -75% rispetto agli 1,7 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente. Gli investitori internazionali hanno pesato sulla raccolta di mercato per il 27%. Le fonti principali della raccolta sono: settore pubblico e fondi sovrani, 31%, fondi pensione e casse, 18% e investitori individuali e family office, 18%.

“AIFI, per incentivare la raccolta dei fondi, ha messo in campo una serie di attività e roadshow, sia europei sia internazionali, volti a far conoscere il mercato e i suoi operatori”, afferma Innocenzo Cipolletta, Presidente AIFI.

L’ammontare investito è stato pari a 2,5 miliardi di euro, in calo del 12% rispetto ai 2,9 miliardi di euro al 30 giugno 2018. Se si escludono i large e mega deal (operazioni caratterizzate da un equity investito superiore ai 150 milioni di euro), l’ammontare risulta pari a 1,9 miliardi di euro in crescita del 39% rispetto agli 1,4 miliardi del primo semestre del 2018.

Cresce invece il numero di operazioni (private equity e venture capital), che si attesta a 166 (+4% rispetto alle 160 del I semestre 2018). Early stage primo per numero di operazioni (72, -10%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Private equity, giù la raccolta nel 1° semestre