Presidente Arturo De Felice a TLB: il “sistema” aeroporti di Calabria

(Teleborsa) – Da maggio 2017 Arturo De Felice è Presidente di SACAL, società che gestisce gli aeroporti della Calabria. Nel 2018 il bilancio è tornato attivo, nonostante l’acquisizione, in aggiunta all’HUB Internazionale di Lamezia, degli scali aerei di Reggio Calabria e Crotone, reduci da “gestioni fallimentari”.

Arturo De Felice, con un passato in Polizia dove ha ricoperto importanti incarichi tra cui, dal 1 novembre 2012 al 30 settembre 2014 quello di Direttore della DIA (Direzione Investigativa Antimafia), nel 2015 è stato nominato Prefetto di Caserta dal Consiglio dei Ministri.

Il Presidente, qui nell’HUB di Lamezia, ha parlato a Teleborsa della situazioni dei tre aeroporti della Regione. Dottor De Felice, tre aeroporti, un sistema:

“Quello che definiamo sistema aeroportuale calabrese è un sistema impegnativo, che è stato fatto quasi in contemporanea con quello pugliese e con quello delle atre regioni ad alta densità di popolazione e traffico aereo. Si è ritenuto necessario farlo anche in Calabria per dare un’armonizzazione a quelli che sono intanto gli obiettivi che i tre scali si devono porre, e soprattutto un’unica gestione che permette un notevole risparmio dei costi di gestione”.

Reggio Calabria, Lamezia Terme e Crotone, che forse al momento è il più penalizzato:

“Questa società nasce avendo come colonna portante l’hub di Lamezia Terme, che è un aeroporto internazionale in continua espansione che richiede, con dovuta attenzione, una nuova struttura o l’ampiamento di quella già presente per adeguarla al flusso di passeggeri. Abbiamo rilevato gli aeroporti di Reggio Calabria e Crotone da due fallimenti, questo non ha fatto alto che aggravare e appesantire il decollo del sistema aeroportuale. Siamo riusciti non solo a tenere costantemente aperto l’aeroporto di Reggio ma a mantenere la fiducia delle più grandi compagnie. In particolare, parlo della compagnia di bandiera che ha continuato a volare. Abbiamo anche stretto pochi giorni fa un accordo importantissimo che vedrà il più grande vettore low cost attivo in questo momento, Ryanair, impegnarsi a venire ad operare anche a Reggio Calabria, dando quindi un’offerta enorme rispetto a quelle che erano le aspettative dopo il fallimento della vecchia gestione. Su Reggio Calabria devo dire che siamo abbastanza tranquilli, siamo stati corroborati anche dal recente decreto legislativo in finanziaria che prevede uno stanziamento di ben 25 milioni di euro per lo scalo, che ci consentirà ovviamente di ammodernarlo il più possibile e di intervenire su una struttura obsoleta e trascurata”.

“Crotone, che è il fratellino più piccolo soprattutto per l’utenza, è però quello che ha le più grosse difficoltà gestionali dovute ai problemi della popolazione che si sente giustamente esclusa da quelli che sono i collegamenti veloci alternativi, le ferrovie veloci e le autostrade. E che quindi pressa legittimamente perché possa essere messa nelle condizioni di collegarsi almeno con la capitale. Abbiamo volutamente mantenuto aperto l’aeroporto durante il periodo invernale per mantenere il collegamento indispensabile con Bergamo-Orio al Serio e trovare alternative su almeno altri due scali nazionali con la primavera. Nei sei mesi da aprile ad ottobre infatti ci sarà un notevole movimento di charter turistici e un collegamento nazionale con la Germania”.

Torniamo all’hub, un bilancio di questo primo anno di gestione che usciva da un fallimento:

“La gestione di Lamezia Terme è sicuramente una gestione impegnativa perché è una struttura creata per supportare un certo peso e che ora è stato superato. Abbiamo fatto lavori strutturali e sono stati aumentati di 5 unità i check-in. Abbiamo maturato un fast track. Abbiamo aperto altri corridoi per agevolare i passeggeri in partenza. Siamo consapevoli che questo non basta perché lo scalo deve esser adattato e su questo siamo impegnati in sinergia con la nuova governance e con una sinergia molto impegnata della Regione Calabria”.

Un sistema come quello della Regione Calabria ha bisogno del supporto degli Enti locali?

“Questo sta avvenendo con molta lentezza dovuta alla prassi burocratica, ma l’importante è raggiungere il risultato. Abbiamo avuto forte disponibilità dagli enti locali a collaborare per un comarketing con la SACAL per incentivare le compagnie e aeree. E la Regione Calabria sta stanziando una grossa cifra per incentivare appunto gli scali su Crotone e sulle altre città calabresi”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Presidente Arturo De Felice a TLB: il “sistema” aeroporti ...