Prese di profitto sulle piazze europee

(Teleborsa) – Seduta al ribasso per le principali borse del Vecchio Continente, dominata dalle prese di profitto e caratterizzata da scambi sottili come di consueto in questo periodo estivo. 

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,52%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,41%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) crolla dell’1,87%, scendendo fino a 41,97 dollari per barile, nel giorno in cui l’EIA, divisione del Dipartimento dell’Energia americano, ha annunciato una crescita inattesa delle scorte di greggio settimanali, negli Stati Uniti. C’è attesa per il vertice informale dei membri dell’OPEC, che si terrà a fine settembre. 

Invariato lo spread, che si posiziona a 119 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta all’1,08%.

Tra gli indici di Eurolandia, discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,39%. Giornata moderatamente positiva per Londra, che sale di un frazionale +0,22%. Dimessa Parigi, con un calo frazionale dello 0,36%. Nessuna variazione significativa in chiusura per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 16.792 punti. 

Al termine della seduta della Borsa di Milano, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,53 miliardi di euro, in rialzo del 9,61% rispetto ai precedenti 1,39 miliardi; mentre i contratti si sono attestati a 193.595, rispetto ai precedenti 177.389, mentre i volumi scambiati sono passati da 0,64 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,63 miliardi.

Tra i 216 titoli trattati, 115 hanno chiuso in ribasso, mentre 83 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso. Stabili i restanti 18 titoli.

In luce sul listino milanese i comparti Vendite al dettaglio (+1,48%), Media (+0,68%) e Servizi per la finanza (+0,49%). Tra i più negativi della lista di Piazza Affari, troviamo i comparti Tecnologici (-1,32%), Telecomunicazioni (-0,76%) e Chimici (-0,68%).

Tra i best performers di Milano, si distinguono YOOX NET-A-PORTER (+2,06%), Cnh Industrial (+1,20%), Finmeccanica (+1,18%) e Luxottica (+0,99%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Salvatore Ferragamo, che ha chiuso a -1,40%. Sempre nel lusso, soffre Moncler, che evidenzia una perdita dell’1,22%.

Sotto pressione STMicroelectronics, con un forte ribasso dell’1,28%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Prese di profitto sulle piazze europee