Prada guarda con ottimismo al futuro. Nei nove mesi scende l’utile

(Teleborsa) – Primi nove mesi a due velocità per Prada, che registra una flessione dell’utile ed un incremento dei ricavi. 

La holding italiana quotata a Honk Kong ha archiviato il periodo gennaio-settembre con un utile netto in calo del 26,4% a 235 milioni di euro e ricavi in lieve aumento dell’1,2% a 2,58 miliardi (+7% a cambi costanti).
Bene le vendite in Giappone, America ed Europa, mentre quelle nell’area del Pacifico continuano a mostrare una certa debolezza. 

La positiva la posizione finanziaria netta al 31 ottobre 2015 è negativa per 197,8 milioni di euro.

“In questi ultimi mesi abbiamo assistito a un generale inasprimento dello scenario macroeconomico di riferimento” – commenta l’ad Patrizio Bertelli – dichiarandosi ottimista “sulle prospettive di crescita del settore e confidenti che l’indiscussa leadership stilistica dei nostri brand e il nostro posizionamento, con una copertura globale già conseguita attraverso la nostra ampia rete retail, siano gli elementi essenziali per affrontare con successo le sfide future”.

Prada guarda con ottimismo al futuro. Nei nove mesi scende l̵...