Poste Italiane, utile 1° trimestre in calo a 306 milioni

(Teleborsa) – Poste Italiane chiude il 1° trimestre con un netto in calo di quasi un terzo a 306 milioni di euro, rispetto ai 439 milioni del pari periodo dl 2019 (-30%).

La società riporta anche minori ricavi per 2.755 milioni di euro, in calo del 3% rispetto al primo trimestre 2019; ricavi normalizzati pari a 2.456 milioni (-4,4% rispetto al primo trimestre del 2019). Il risultato operativo (EBIT) scivola a 441 milioni (-28,6% rispetto al primo trimestre 2019) determinato da minori ricavi dovuti al lockdown e da costi one-off per far fronte all’emergenza.

Le Attività Finanziarie Totali (TFAs) ammontano a 539 miliardi (+2,6 miliardi rispetto a dicembre 2019), con una solida raccolta netta retail di 5,7 miliardi, trainata da prodotti di liquidità in un mercato volatile

“Sebbene la performance del 2020 sia stata impattata dal lockdown, i recenti eventi hanno accelerato trend emergenti chiave e confermato la direzione strategica del Piano Deliver 2022”, sottolinea l’Ad Matteo Del Fante, ricordando l’impegno del Gruppo per la tutela della salute dei dipendenti e dei clienti in questo periodo difficile. “Durante questa crisi – ha aggiunto – abbiamo continuato a supportare tutti i nostri stakeholder, rafforzando la nostra reputazione. Poste è un operatore di sistema; il nostro ruolo è diventato più importante e questo si tradurrà in un business più forte e sostenibile. Insieme, saremo all’altezza della sfida.”

Posizione di liquidità e generazione di cassa solide, con un profilo di indebitamento limitato ed equilibrato nelle scadenze
Performance

Coefficienti patrimoniali regolamentari solidi con un CET1 Ratio di BancoPosta pari al 18% e Solvency II Ratio del Gruppo Assicurativo Poste Vita pari al 226%, al di sopra delle ambizioni manageriali del 200% lungo l’arco di piano

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Poste Italiane, utile 1° trimestre in calo a 306 milioni