Porto Genova, disagi per crollo Ponte Morandi. Assoporti: “Ridurre tasse ancoraggio e accise”

(Teleborsa) – Il crollo del Ponte Morandi di Genova sta creando disagi anche al trasporto marittimo, settore cruciale dell’economia genovese. lo conferma Assoporti, l’associazione che rappresenta il settore, sollecitando misure d’emergenza che attenuino gli effetti negativi.

“L’evento disastroso sta creando gravi problemi anche all’economia genovese, in particolare il porto di Genova, scalo fondamentale per i collegamenti marittimi nazionali, che si trova in una situazione di criticità legata all’interruzione di linee ferroviarie e alle ripercussioni sulla viabilità ordinaria e autostradale”, afferma Assoporti.

Di qui, l’appello del Presidente, Zeno D’Agostino, al Governo ed al Parlamento affinché intervengano con “previsioni specifiche legate allo stato di  emergenza dichiarato per Genova, come accaduto nel recente passato per i porti di  transshipment di Gioia Tauro, Cagliari e Taranto per i quali sono state inserite delle misure all’interno della Legge di Stabilità”. Misure che resterebbero in vigore per tutta la durata dello stato d’emergenza.

Fra le proposte c’è l’azzeramento delle tasse di ancoraggio per le navi, sia commerciali che passeggeri, e la riduzione
delle accise sui carburanti per i mezzi operativi dei terminal.  “Le misure – afferma D’Agostino – andrebbero a lenire il disagio legato alle difficoltà di inoltro e ricevimento della  merce per il Porto di Genova”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Porto Genova, disagi per crollo Ponte Morandi. Assoporti: “Ridur...