Popolare di Sondrio, continua il processo di trasformazione in SpA

(Teleborsa) – Dopo che ieri il Consiglio di Stato ha confermato la legittimità della riforma delle banche popolari, Banca Popolare di Sondrio ha fornito un aggiornamento sul processo di trasformazione in SpA.

La banca, quotata sull’MTA di Borsa Italiana, ha sottolineato in una nota che “il Consiglio di Stato ha ritenuto la legittimità delle disposizioni regolamentari attuative della Legge 24 marzo 2015 n. 33 sottoposte al suo giudizio. In particolare, il Consiglio di Stato ha in parte dichiarato l’improcedibilità e in parte rigettato i motivi di ricorso presentati” e che “l’articolo 27, comma 3 bis, della Legge 11 settembre 2020 n. 120 (conversione con modificazioni del Decreto legge 16 luglio 2020 n. 76, recante misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale) ha prorogato di un anno, vale a dire fino al 31 dicembre 2021, il termine per la trasformazione in società per azioni delle banche popolari che superano la soglia di 8 miliardi di euro di attivo“.

Su queste premesse e alla luce del quadro giuridico così definito, “Banca Popolare di Sondrio porrà in essere i necessari adempimenti, nel rispetto di quanto previsto dalla legge e nei termini dalla stessa stabiliti“.

Intanto si registra un brillante rialzo per Banca Popolare di Sondrio a Piazza Affari, dove mostra un guadagno del 2,26%, attestandosi a 4,158. Le implicazioni tecniche assunte avvalorano l’ipotesi di una prosecuzione della giornata in senso positivo con resistenza vista a quota 4,221 e successiva a 4,349. Supporto a 4,093.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Popolare di Sondrio, continua il processo di trasformazione in SpA