Politiche attive, Orlando accelera: riforma entro settembre

(Teleborsa) – Il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, ha incontrato questa mattina gli Assessori regionali competenti in materia di politiche del lavoro per fare il punto sulla riforma delle politiche attive che si concretizzerà nel programma Garanzia Occupabilità dei Lavoratori – GOL.


Lo rende noto l’Ufficio stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ricordando che nelle scorse settimane il contenuto del programma è stato oggetto di un tavolo tecnico con le Regioni, coordinato dal Commissario Straordinario dell’Anpal, Raffaele Tangorra. Oggi si è svolto un primo confronto politico finalizzato a condividere l’impianto della riforma e individuare i prossimi passaggi.

“Il confronto con le Regioni delle scorse settimane, avvenuto prima in sede tecnica e oggi in sede politica, è stato molto fruttuoso – ha commentato il Ministro Orlando – Sta emergendo un quadro di riforma che permetterà per la prima volta di definire politiche attive che costituiscano dei veri e propri diritti esigibili per le lavoratrici e i lavoratori che si rivolgono alla rete dei servizi per l’impiego, assicurando prestazioni finalizzate a migliorarne l’occupabilità e che abbiano caratteristiche di uniformità in tutto il Paese. In questo contesto, centrale sarà la definizione di appropriati percorsi che integrino politiche attive e formazione, a partire dai deficit di competenze del lavoratore opportunamente valutati nel contesto del mercato locale di riferimento e coinvolgendo il sistema delle imprese. Sono le politiche di “upskilling” e “reskilling” che il Paese si aspetta e che la Commissione europea ci chiede in attuazione del PNRR”.

Il Ministro ha concluso i lavori condividendo l’obiettivo di concludere l’iter amministrativo di approvazione della riforma in Conferenza Stato Regioni entro il mese di settembre.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Politiche attive, Orlando accelera: riforma entro settembre