Poco mossa la Borsa americana

(Teleborsa) – Si conferma cauta la borsa americana, il cui orario questa settimana risulterà anticipato di un’ora, a causa del passaggio dell’Europa all’ora solare. Gli Stati Uniti, invece, conserveranno ancora l’ora legale fino al 6 novembre. Il mercato azionario, dunque, aprirà alle ore 14:30 (ora italiana) per terminare gli scambi alle ore 21:00 (ora italiana).

Restano le incertezze per le vicinissime Presidenziali USA, alimentate dalla notizia della riapertura dell’inchiesta FBI sulle email Hillary Clinton, che rimette in gioco la corsa alla Casa Bianca. Una vittoria di Donald Trump, ora in ascesa e prossimo ai consensi della Clinton, viene guardato con sospetto dalle borse.

Sostanzialmente stabile Wall Street, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il Dow Jones a 18.164 punti; sulla stessa linea l’indice S&P-500, che continua la giornata a 2.129 punti. Senza direzione il Nasdaq 100 (+0,06%), come l’S&P 100 (0,0%).

Nell’S&P 500, buona la performance dei comparti Utilities (+2,29%) e Industriale (+0,42%). Tra i più negativi della lista dell’S&P 500, troviamo i comparti Energia (-0,90%) e Sanitario (-0,43%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Chevron (+1,42%), Intel (+0,65%), Johnson & Johnson (+0,62%) e Goldman Sachs (+0,61%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Nike, che continua la seduta con un -3,30%. Calo deciso per Exxon Mobil, che segna un -1,62%. Sotto pressione Walt Disney, con un forte ribasso dell’1,35%. Soffre Home Depot, che evidenzia una perdita dell’1,13%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Poco mossa la Borsa americana