Pitti Uomo 97 al via a Firenze fra ritorni, debutti e presenze dall’estero

(Teleborsa) – Pitti Uomo 97 prende il via oggi a Firenze, fino a venerdì 10 gennaio. Come da tradizione la 97esima edizione della più attesa manifestazione della moda, in Italia, avrà luogo alla Fortezza da Basso. La cerimonia ufficiale di inaugurazione stamattina presso il Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella, del Presidente di Pitti Immagine Claudio Marenzi, del Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e del sottosegretario Affari Esteri Ivan Scalfarotto. Alla cerimonia di apertura un messaggio video inviato dal Principe Carlo d’Inghilterra a sostegno dell’iniziativa per la pura lana biologica. L’inaugurazione ed è stata preceduta ieri sera Gala dinner del Centro di Firenze per la Moda (CFMI), presso il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

Una kermesse che conta 1203 marchi convenuti per presentare le ultime collezioni, 540 provenienti da tutto il mondo, e 265 brand. Anche quest’anno è previsto un nuovo boom di presenze, oltre le 36 mila dello scorso anno, su ben 60 mila metri quadri totali di esposizione.

Il tema scelto la bandiera – un intarsio di linee, colori e disegni su un rettangolo di stoffa – un vessillo tenuto da un modello su cui campeggiano le iniziali della manifestazione. “Pitti è come le Nazioni Unite della Moda, dove ogni brand ha la propria bandiera, ma anche dove ognuno di noi può farsi bandiera di sé stesso”, spiega Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine.

Tra nuovi spazi espositivi, debutti e ritorni importanti, ne vanno segnalati alcuni particolarmente attesi: Herno e Herno Laminar presentano le collezioni AI2021 in un nuovo grandissimo spazio espositivo; il contemporary design brand tedesco Closed si unisce al designer britannico Nigel Cabourn per una nuova collezione dal look “navale”; lo storico brand Falke celebra il 125esimo anniversario; Sergio Rossi debutta a Pitti Uomo 97 per il lancio globale dell’esclusivo progetto Sergio Rossi Uomo.

Tanti nuovi brand arriveranno dall’estero – Arc’teryx Veilance (Canada), F/CE (Giappone) e Rolf Ekroth (Finlandia) – nella sezione I Go Out.

Fra gli immancabili l‘atelier “Rifugio” di Napoli: a 15 anni dal lancio della prima giacca in pelle interamente cucita a mano, Alfredo Rifugio presenta in esclusiva la rielaborazione di un capo iconico, la famosissima giacca napoletana in soffice montone, cucita con la leggendaria impuntura a mano che sin dall’inizio è la firma dello stilista.

A Pitti sono poi attesi significativi ritorni – da Sealup, brand del made in Italy leader nel “Rainwear” e “Outerwear”, ad HUNTER, il marchio heritage britannico conosciuto per gli suoi iconici stivali da pioggia – ed anche importanti esordi come quello del luxury sportswear brand JET SET diretto da Michael Michalsky e del designer cinese Daoyuan Ding, vincitore del premio ITS – International Talent Support.

Da segnalare il lancio del Progetto “MY WARDROBE: MAN OUTERWEAR TO INNOVATE WOOL CRAFTMANSHIP” di The Woolmark Company, con il patrocinio della “Campaign For Wool – patron HRH Prince of Wales”, sviluppato dagli studenti dell’Accademia Costume & Moda, con la collaborazione di Maison Valentino e Dyloan Bond Factory. Parole chiave del progetto: Wool, Craftmanship, Innovation, Identity.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pitti Uomo 97 al via a Firenze fra ritorni, debutti e presenze dall&#8...