Pitti Uomo 95 al via fra l’eleganza del made in Italy e uno sguardo al futuro

(Teleborsa) – Quattro giorni dedicati alla moda, allo stile dell’uomo moderno, alle ultime proposte dei grandi stilisti e degli artigiani di tutto il mondo. Firenze si veste di stile con la 95 edizione di Pitti Immagine Uomo, che ha preso il via oggi 8 gennaio 2019 presso la Fortezza da Basso, fino al prossimo 11 gennaio.

L’inaugurazione però si tiene tradizionalmente a Palazzo Vecchio, presso il Salone dei Cinquecento, dove si sono dati appuntamento il Sindaco di Firenze Dario Nardella, la Presidente del Centro di Firenze per la Moda Italiana Antonella Mansi il Presidente Pitti Immagine e Presidente Confindustria Moda Claudio Marenzi. Presenti anche il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il Sottosegretario allo Sviluppo Economico Michele Geraci e il Presidente Sistema Moda Italia Marino Vago.

Grande successo di pubblico anche in questa edizione: sono 1.230 i marchi presenti, 568 dei quali esteri (46%), su una superficie espositiva di 60 mila metri quadrati; attesi 36 mila visitatori ed oltre 25 mila compratori dei quali 9.200 dall’estero.

Nel 2019 Pitti Immagine compie trent’anni. Nel gennaio del 1989 fu proprio Pitti Immagine Uomo a inaugurare la nuova denominazione del gruppo, seguito poi a ruota dagli altri saloni: Pitti Immagine Bimbo, Pitti Immagine Filati e Pitti Immagine Casa. Per festeggiare questo anniversario sarà emesso un francobollo dedicato a Pitti Immagine: il bozzetto è stato disegnato da Italo Lupi, uno dei designer italiani tra i più conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, cui viene anche assegnato quest’anno il Premio Pitti Immagine alla Carriera 2019. Alla presentazione del francobollo di Pitti Immagine è collegata anche la mostra The FashioN Mailbox, sui rapporti che il mondo della moda ha avuto con il mondo dei francobolli dalla fine dell’Ottocento a oggi.

Guest Nation di questa edizione il Portogallo: protagonista una selezione di otto nomi promettenti dal panorama moda del Portogallo, fra noda ed accessori, frutto della collaborazione tra Fondazione Pitti Immagine Discovery e Selectiva Moda/From Portugal.

“THE PITTI BOX” è il tema guida di questa edizione perché Pitti Uomo si propone come un grande “surprise box”, straordinario contenitore di idee e di novità da aprire e cambiare di stagione in stagione. Alla Fortezza da Basso, in un set design curato dal lifestyler Sergio Colantuoni, il nuovo tema THE PITTI BOX propone un viaggio multisensoriale “in-and-out of the box”.

Tantissimi gli eventi previsti in questi quattro giorni, nell’ambito della fiera ed anche al di fuori. Si arricchiscono INFATTI le modalità di presentazione delle aziende a Pitti Uomo, attraverso installazioni-evento o spazi dal layout sempre più interattivo e scenografico; ma anche scegliendo spazi-satellite esterni e vicini alla Fortezza, location ideali per il lancio di capsule e progetti specifici: da Woolrich a Diadora e FILA, senza dimenticare l’icona degli anni Cinquanta Moon Boot.

Fra gli eventi principali quello di Y/PROJECT: il designer belga e direttore creativo Glenn Martens presenta la nuova collezione uomo FW2019/2020 attraverso uno speciale fashion show, mercoledì 9 gennaio alle ore 18.00, nella splendida location del Chiostro Grande del Complesso di Santa Maria Novella.

Il nuovo brand ALDO MARIA CAMILLO: la Fondazione Pitti Immagine Discovery invita il designer italiano per l’esordio assoluto del brand che porta il suo nome con una sfilata della sua prima collezione giovedì 10 gennaio alle 17.00 allo Spazio Alcatraz della Stazione Leopolda.

Gli artisti saranno protagonisti dello special event Slam Jam dedicato ad arte, moda, musica e sport.

Anche quest’anno appuntamento con il Gucci Garden, dove la casa di moda presenterà il nuovo allestimento espositivo delle Period Room, all’interno dello storico Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria, che subentra all’omaggio a Bjork inaugurato a giugno.

Tantissime le proposte per le collezioni autunno/inverno, dove coesistono la moda più tradizionale ed il meglio della ricerca tecnologica sui tessuti. Nell’ambito della prima categoria il meglio dell’artigianato Made in Itali con la nuova collezione in pelle di Alfredo Rifugio, rigorosamente cucita “a mano”.

Nella seconda categoria il meglio della ricerca sui tessuti sostenibili e green come quelli di Ecoalf, che sfrutta l’arte dei riciclo per fare moda, o come Tretor che devolverà parte della vendita della collezione sailing a progetti per l’ambiente.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pitti Uomo 95 al via fra l’eleganza del made in Italy e uno sgua...