Pirelli, un’altra italiana proiettata nel mercato globale

Italianissima, ma internazionale, un po’ come è diventata la Fiat. Così il neoeletto Presidente di Pirelli, Ren Jianxin, vede la compagnia leader negli pneumatici. 

“Pirelli è un brand che ha solide radici in Italia, ma è anche un player mondiale”, ha detto in una intervista al Corriere della Sera il nuovo Presidente Jianxin, appena eletto alla guida del CdA, in rappresentanza della cinese ChemChina, che controlla il gruppo dopo l’OPA.

“Non si può pensare di far crescere un’azienda fuori dall’alveo in cui ha prosperato” ha aggiunto il manager cinese, sottolineando che le sinergie che si creeranno dall’integrazione delle attività industriali aumenteranno la competitività del gruppo a livello internazionale.

“Questo matrimonio può portare a Pirelli il maggior mercato del mondo”, ha aggiunto, parlando dell’espansione nel mercato cinese, che ha altissime potenzialità: si stima che fra il 2014 ed il 2024 le auto circolanti in Cina saranno più che raddoppiate.

Pirelli, un’altra italiana proiettata nel mercato globale