Pioggia di vendite a Wall Street

(Teleborsa) – Al giro di boa la borsa di Wall Street conferma l’intonazione negativa dell’avvio, dopo la performance positiva della vigilia, ad un passo delle elezioni presidenziali, che si terranno la prossima settimana, ed in risposta alla crescita continua dei contagi di Covid-19.

Dal fronte macro l’aggiornamento su reddito e spesa delle famiglie americane, a settembre, ha evidenziato una crescita oltre attese. Ieri il PIL del terzo trimestre è salito oltre le aspettative.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones accusa una flessione dell’1,47%; sulla stessa linea, si abbattono le vendite sull’S&P-500, che continua la giornata a 3.248 punti, in forte calo dell’1,87%. Pessimo il Nasdaq 100 (-3,14%); con analoga direzione, in forte calo l’S&P 100 (-2,17%).

In discesa a Wall Street tutti i comparti dell’S&P 500. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti beni di consumo secondari (-3,39%), informatica (-3,31%) e energia (-1,63%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, IBM (+1,96%), Raytheon Technologies (+0,73%) e Caterpillar (+0,51%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Apple, che prosegue le contrattazioni a -6,10%.

In apnea Boeing, che arretra del 4,08%.

Tonfo di Visa, che mostra una caduta del 2,76%.

Lettera su Home Depot, che registra un importante calo del 2,28%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Charter Communications (+5,34%), Alphabet (+4,35%), Alphabet (+3,88%) e Garmin (+3,78%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Illumina, che prosegue le contrattazioni a -7,75%.

Affonda Tesla Motors, con un ribasso del 6,78%.

Crolla Facebook, con una flessione del 6,62%.

Vendite a piene mani su Apple, che soffre un decremento del 6,10%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pioggia di vendite a Wall Street