Pioggia di acquisti sui mercati. Volano i titoli della difesa

(Teleborsa) – Brillano a metà seduta i principali listini del Vecchio Continente, già forti in avvio, con gli investitori che entusiasti guardano alla riunione della BCE, in calendario a dicembre, e da cui si attendono nuovi stimoli all’economia debole di Eurolandia.

A sostenere il mercato contribuisce anche l’accordo raggiunto tra Atene e i creditori internazionali che sblocca una nuova tranche di aiuti per la Grecia. “Digerita” la notizia degli attentati a Parigi arrivata a mercati chiusi contrariamente a quanto è accaduto per l’attentato alle torri Gemelle, l’11 settembre 2001, che si consumò durante le contrattazioni in Europa (Wall Street quel giorno rimase chiusa).

Ulteriore linfa al sentiment degli investitori è giunta dal forte rimbalzo dell’indice ZEW (indicatore anticipatore del sentiment dell’economia nei prossimi mesi).

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,066. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,31%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) in calo (-1,22%) si attesta su 41,23 dollari per barile.
Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 104 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,57%.

Tra gli indici di Eurolandia, in primo piano Francoforte, che mostra un forte aumento dell’1,92%; decolla Londra, con un importante progresso dell’1,78% con gli operatori che guardano alla BoE dopo che l’inflazione è rimasta negativa anche a ottobre, per il secondo mese consecutivo. In evidenza Parigi, che mostra un fortissimo incremento del 2,28%. Giornata di forti guadagni per Piazza Affari, con il FTSE MIB in rialzo dell’1,66%. 

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Chimici (+3,41%), Media (+3,01%) e Petroliferi (+2,40%) in linea con i settori europei.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Finmeccanica (+4,07%) che cavalca i venti di guerra insieme agli altri titoli europei attivi nel settore della difesa, sull’ipotesi di un possibile aumento degli investimenti nel comparto da parte dei governi.

Tonica Mediaset (+3,84%) che recupera le recenti perdite e snobba il downgrade di JP Morgan.

Denaro su Buzzi Unicem (+3,77%) grazie a Exane BNP Paribas.

Positiva Telecom Italia +0,26% dopo le precisazioni di Vivendi in vista dell’assemblea del prossimo 15 dicembre sulla conversione delle azioni. 

Corre Fiat Chrysler Automobiles +2,49% che ancora una volta sovraperforma il mercato dell’auto in Europa. 

Ottima performance anche oggi dei titoli petroliferi che continuano a beneficiare della tenuta dei prezzi del greggio. A guidare i rialzi è ancora una volta l’ENI +2,65%. Seguono a ruota Tenaris con un +1,73% e Saipem con un rialzo dell’1,44%.

Il lusso torna a brillare dopo l’opacità della vigilia innescato dai timori per gli attacchi terroristici a Parigi. Vola Salvatore Ferragamo, che balza del 2,33% seguito da Yoox Net-A-Porter  +2,27% e Luxottica +1,51%. Denaro inoltre su Tod’s +1,47% e Moncler +1,61%. Tra i grandi gruppi a livello europeo, recuperano Hermes (+1,52%), LVMH (+3,10%) e Kering (+2,62%).

 Sul listino completo, vola Fiera Milano +6,89% che festeggia l’accordo per lo sviluppo dell’area del Portello.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pioggia di acquisti sui mercati. Volano i titoli della difesa