PIL pro capite ai minimi da 10 anni. In leggero calo la disoccupazione

(Teleborsa) – Il PIL pro capite italiano crolla ai minimi degli ultimi dieci anni, attestandosi in media a 25.256 euro, con una diminuzione del 10% rispetto al 2005. La crisi si è sentita ancora di più al Sud, dove il PIL pro capite è crollato dell’11,7%.

E’ questa la fotografia scattata dal rapporto Noi Italia pubblicato dall’Istat, in cui si evidenzia che le differenze a livello regionale sono esorbitanti, se si considera il valore massimo registrato al Nord-Ovest (poco meno di 31 mila euro) ed il valore minimo registrato nel Mezzogiorno (meno di 17 mila euro).

L’incidenza della povertà, relativa e assoluta, è risultata sostanzialmente stabile: la prima coinvolge circa un decimo delle famiglie residenti e quella assoluta il 5,7%.

Nel 2015 la quota di persone soddisfatte per la propria situazione economica è risultata in aumento (47,4%) per il secondo anno consecutivo. 

Quanto al lavoro, nel 2015 risultano occupate oltre 6 persone su 10, ma è forte lo squilibrio di genere ed il divario territoriale tra Centro-Nord e Mezzogiorno. Nella graduatoria europea relativa al 2014 solo Grecia, Croazia e Spagna presentano tassi di occupazione inferiori a quello italiano, mentre la Svezia registra il valore più elevato (74%).

Il tasso di disoccupazione scende di 0,8 punti rispetto al 2014, riportandosi dopo due anni sotto il 12%. Rimangono forti le differenze territoriali, con un tasso nel Mezzogiorno di poco inferiore al 20% e resta elevatissima la disoccupazione giovanile che nella fascia 15-24 si attesta al 40,3%, pur in calo di 2,4 punti rispetto a un anno prima. Sono oltre 2,3 milioni i neet (pari al 25,7% del totale).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

PIL pro capite ai minimi da 10 anni. In leggero calo la disoccupazione