Pierrel vola in borsa dopo conti 2020. Utile in calo a 1,9 milioni

(Teleborsa) – Pierrel, azienda specializzata nella produzione di specialità farmaceutiche e quotata nel segmento MTA di Borsa Italiana, ha chiuso il 2020 con un utile netto di 1,9 milioni di euro, in diminuzione del 15% rispetto ai circa 2,3 milioni del 2019. I ricavi consolidati sono stati pari a circa 18,3 milioni, in diminuzione di circa il 17% rispetto ai circa ai 21,9 milioni conseguiti nel precedente esercizio.

Il valore dei ricavi risulta sostanzialmente in linea con le previsioni stimate dal consiglio di amministrazione. L’EBITDA consolidato è stato positivo per circa 3,2 milioni di euro, in diminuzione di circa il 28% rispetto al 2019. L’indebitamento finanziario netto è salito a circa 7,8 milioni. Il consiglio d’amministrazione ha deliberato di proporre all’assemblea degli azionisti di rinviare a nuovo l’utile netto conseguito nel 2020, al netto di un importo pari al 5% da destinare alla voce riserva legale.

“Gli sforzi sostenuti per organizzare una diversa sequenza delle attività ci hanno permesso di affrontare con maggiore serenità il secondo semestre del 2020, periodo in cui ci siamo dapprima dedicati a finalizzare alcuni investimenti e poi a processare gli ordini ricevuti da un mercato che, nell’ultimo trimestre, ha registrato una ripresa ben oltre le aspettative”, ha commentato Fulvio Citaredo, amministratore delegato della società.

La performance di Pierrel a Piazza Affari, già ottima questa mattina prima della presentazione dei conti, si è ulteriormente infiammate: si attesta a 0,242, con un aumento del 9,01%. A livello operativo si prevede un proseguimento della seduta all’insegna del toro con resistenza vista a quota 0,2493 e successiva a 0,2703. Supporto a 0,2283.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pierrel vola in borsa dopo conti 2020. Utile in calo a 1,9 milioni