Piazza Affari vira in rosso ma Saipem continua a brillare

(Teleborsa) – Si indebolisce Piazza Affari a metà giornata seguendo le orme deboli del Vecchio Continente.

Le borse europee tirano il fiato dopo la corsa di ieri 18 dicembre innescata dalle speranze di un un via libera entro l’anno della riforma fiscale statunitense che ha fatto chiudere Wall Street su nuovi massimi, mentre i future USA in leggero rialzo anticipano un avvio di seduta su nuovi massimi storici per la borsa statunitensi.

Dal fronte macro, le condizioni economiche in Germania, sono viste in rallentamento, come segnalato dall’indice IFO, mentre ci sono segnali di ripresa dal settore edile italiano.

Tra le principali Borse europee ferma Francoforte che mostra un -0,12%, trascurata Londra che avanza dello 0,11% e nulla di fatto per Parigi che passa di mano in calo dello 0,15%.

A Piazza Affari il FTSE MIB cede lo 0,40%. Sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share  che cede lo 0,39%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, vola Saipem che segna un aumento del 3,63%.

Buona la performance di BPER e Banco BPM che avanzano di oltre il 3%. Stessa intonazione per Prysmian.

Tonica Mediaset  che mostra una salita dello 0,75%. Ilgiudice di Milano ha rinviato a febbraio l’udienza su Premium

Fiat Chrysler sale dello 0,45%.

Le più forti vendite, invece, si abbattono su Yoox  che soffre un calo di oltre il 4%.

Fuori dal principale Listino, corre Ansaldo (+2,08%). Tonica Rai Way (+0,69%). I più forti ribassi, invece, si abbattono su IGD che scivola del 5% dopo che ieri ha chiuso con ribassi a due cifre dopo l’annuncio di un aumento di capitale da 150 milioni di euro. Soffre anche Trevi  che cede oltre l’8% sulla notizia di un possibile aumento di capitale.

Piazza Affari vira in rosso ma Saipem continua a brillare