Piazza Affari tonica in un’Europa cauta

(Teleborsa) – All’insegna della prudenza il bilancio nel Vecchio Continente, mentre si distingue la performance positiva mostrata a Piazza Affari.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a 0%. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,03%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua gli scambi, con un aumento dell’1,09%, a 67,04 dollari per barile.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +105 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,88%.

Tra le principali Borse europee tentenna Francoforte, con un modesto ribasso dello 0,22%, senza spunti Londra, che non evidenzia significative variazioni sui prezzi, e ferma Parigi, che segna un quasi nulla di fatto.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 25.263 punti, consolidando la serie di tre rialzi consecutivi, avviata giovedì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,44%, portandosi a 27.702 punti.

Buona la prestazione del FTSE Italia Mid Cap (+0,93%); sulla stessa linea, in rialzo il FTSE Italia Star (+0,78%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Atlantia (+3,19%), Buzzi Unicem (+1,68%), Amplifon (+1,66%) e Banco BPM (+1,55%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su A2A, che continua la seduta con -0,53%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Cattolica Assicurazioni (+12,63%), Fincantieri (+4,57%), ENAV (+4,35%) e Brunello Cucinelli (+3,53%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Tinexta, che continua la seduta con -2,10%.

Preda dei venditori Zignago Vetro, con un decremento dell’1,97%.

Si concentrano le vendite su IREN, che soffre un calo dell’1,75%.

Giornata fiacca per Alerion Clean Power, che segna un calo dello 0,93%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari tonica in un’Europa cauta