Piazza Affari tonica in un’Europa cauta

(Teleborsa) – All’insegna della prudenza il bilancio nel Vecchio Continente, mentre si distingue la performance positiva mostrata da Piazza Affari grazie al successo delle aste dei BTP a 3 e 7 anni. I rendimenti hanno registrato un forte calo mentre la domanda è stata piuttosto robusta.

Lo Spread migliora portandosi sotto i 200 punti, esattamente a 96 punti base, con un calo di 7 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,67%.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,15%. Sostanzialmente stabile l’oro a quota 1.418,9 dollari l’oncia. Lieve aumento per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un rialzo dello 0,35%.

Tra i mercati del Vecchio Continente Francoforte è stabile -0,12%, cauta Londra, che mostra una performance pari a -0,08%, poco mossa Parigi, che mostra un +0,15%.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 22.185 punti (+0,64%); sulla stessa linea, lieve aumento per il FTSE Italia All-Share, che si porta a 24.160 punti. In moderato rialzo il FTSE Italia Mid Cap (+0,27%); in frazionale calo il FTSE Italia Star (-0,4%).

In buona evidenza a Milano i comparti materie prime (+2,10%), viaggi e intrattenimento (+1,46%) e utility (+1,32%).

In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto costruzioni, che riporta una flessione di -0,48%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Atlantia (+2,53%), Tenaris (+2,17%), Prysmian (+1,74%) sull’accelerazione nell’integrazione di General Cable in Sud America e Nexi (+1,65%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su BPER, che prosegue le contrattazioni a -0,60%.

Piccola perdita per CNH Industrial, che scambia con un -0,54%.

Tentenna Exor, che cede lo 0,53%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Piaggio (+3,35%), Cerved Group (+2,89%), Banca MPS (+2,43%) e Falck Renewables (+2,22%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Gima TT, che prosegue le contrattazioni a -3,85%.

Affonda IMA, con un ribasso del 3,80%.

Sotto pressione Salini Impregilo, con un forte ribasso dell’1,61% dopo il downgrade di Fitch.

Soffre Biesse, che evidenzia una perdita dell’1,40%.

Piazza Affari tonica in un’Europa cauta