Piazza Affari tiene meglio delle altre borse ma frenano banche e media

(Teleborsa) – Piazza Affari chiude in modesto rialzo e fa meglio delle altre borse europee, che terminano le trattazioni all’insegna dell’incertezza, dopo i tentennamenti di Wall Street. L’ipotesi di elezioni politiche anticipate in Italia è stata messa da parte, mentre ci si è concentrati sugli spunti di carattere macroeconomico (ancora contrastanti i dati USA).

A Milano vendite sulle banche, dopo le ultime novità sul fronte delle banche venete, e sulle tlc, dopo il verdetto di Bruxelles sul caso Vivendi-TIM.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,26%. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,26%. Vendite diffuse sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 49,18 dollari per barile.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 189 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,18%.

Tra le principali Borse europee piccola perdita per Francoforte, che chiude con un -0,24%, tentenna Londra, che cede lo 0,28%, peggio Parigi, che registra una flessione dello 0,50%.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che archivia la sessione sui livelli della vigilia con il FTSE MIB che si ferma a 20.814 punti; sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share, con chiusura su 23.058 punti. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,11%), come il FTSE Italia Star (0,2%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,85 miliardi di euro, con un incremento di ben 794,5 milioni di euro, pari al 38,61%, rispetto ai precedenti 2,06 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,58 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,77 miliardi.

Su 214 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 98 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 104 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 12 azioni del listino milanese.

Tecnologico (+1,68%), Alimentare (+1,46%) e Chimico (+1,39%) in buona luce sul listino milanese. Nel listino, i settori Telecomunicazioni (-1,71%), Media (-1,41%) e Servizi per la finanza (-1,33%) sono stati tra i più venduti.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brilla Italgas, con un forte incremento (+5,29%), in attesa del piano industriale.

Ottima performance per Moncler, che registra un progresso del 2,54%.

Exploit di Ferrari, che mostra un rialzo del 2,54%.

Su di giri Leonardo (+2,23%).

Giù i media, con Mediaset che ha chiuso a -2,80% e Telecom Italia a -1,89%. 

Tonfo di Banco BPM, che mostra una caduta del 2,33%.

Lettera su Exor, che registra un importante calo del 2,20%.

Vendite su Saipem, che registra un ribasso dell’1,99%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari tiene meglio delle altre borse ma frenano banche e ...