Piazza Affari tenta il rimbalzo ma lo Spread resta in tensione

(Teleborsa) – Piazza Affari tenta il rimbalzo dopo leforti vendite di venerdì, con gli investitori che attendono i commenti sul NADEF da parte della Commissione europea nel giorno dell’Eurogruppo.

Misti gli altri principali Listini europei, mentre sul valutario l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia.

Resta invece in tensione lo Spread che peggiora fino a 273 punti base, con un aumento di 7 punti base rispetto al valore precedente. Il rendimento del BTP decennale è invece pari al 3,21%.

Tra i mercati del Vecchio Continente piccolo passo in avanti per Francoforte, che mostra un progresso dello 0,34%, piccola perdita per Londra, che scambia con un -0,23%, e senza slancio Parigi, che negozia con un +0,09%.

Seduta in lieve rialzo per Milano con il FTSE MIB, che avanza a 20.798 punti, bloccando così la scia ribassista sostenuta da tre cali consecutivi, che ha preso il via mercoledì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 23.010 punti. Poco sopra la parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,39%), come il FTSE Italia Star (0,2%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori materie prime (+1,65%), sanitario (+0,84%) e chimico (+0,79%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto telecomunicazioni, che riporta una flessione di -2,59%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari si segnala Tenaris che avanza dell’1,66%.

Si muove in territorio positivo STMicroelectronics, mostrando un incremento dell’1,37%.

Denaro su Saipem, che registra un rialzo dell’1,32%.

Bilancio decisamente positivo per Fiat Chrysler, che vanta un progresso dell’1,10% in attesa dei dati sulle immatricolazioni di auto in Italia.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Telecom Italia, che lascia sul parterre il 3,17%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+1,70%), IREN (+1,61%), ASTM (+1,50%) e Fincantieri (+1,43%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Carel Industries, che ottiene -2%.

Spicca la prestazione negativa di Banca MPS, che scende dell’1,12%.

Tentenna FILA, che cede lo 0,91%.

Sostanzialmente debole El.En, che registra una flessione dello 0,66%.

Piazza Affari tenta il rimbalzo ma lo Spread resta in tensione