Piazza Affari svetta in Europa con le banche. Ottimismo per Brexit e Basilea 3

(Teleborsa) – Seduta eccellente per Piazza Affari che, in una giornata festiva a volumi ridotti per la festività dell’Immacolata,ha messo a segno la migliore performance in Europa. 

A sostenere il sentiment degli operatori ha contribuito l’accordo a maglie larghe su Basilea 3, che ha sostenuto il comparto bancario, oltre ai passi avanti dell’accordo sulla Brexit. Un impatto positivo hanno avuto anche l’apertura sostenuta di Wall Street sulla scia dei dati occupazionali. Sula borsa americana lo S&P-500 prosegue in rialzo dello 0,37%.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,176. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.247,6 dollari l’oncia. Segno più per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento dell’1,11%.

Lo Spread migliora, toccando i 134 punti base, con un calo di 4 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,64%.

Tra gli indici di Eurolandia denaro su Francoforte, che registra un rialzo dello 0,83%, bilancio decisamente positivo per Londra, che vanta un progresso dell’1%, più composta Parigi, che riporta un progresso frazionale dello 0,28%. 

Seduta positiva per il listino milanese, che porta a casa un guadagno dell’1,40% sul FTSE MIB; sulla stessa linea il FTSE Italia All-Share termina la giornata in aumento dell’1,27%. Leggermente positivo il FTSE Italia Mid Cap (+0,62%), come il FTSE Italia Star (0,6%).

Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,96 miliardi di euro, in calo di 352,2 milioni di euro, rispetto ai 2,31 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 4,78 miliardi di azioni, rispetto ai 1,2 miliardi precedenti.

Su 223 titoli azionari trattati in Piazza Affari, 74 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 141. Invariate le rimanenti 8 azioni.

Banche (+2,99%), Automotive (+1,91%) e Servizi per la finanza (+1,71%) in buona luce sul listino milanese.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unicredit (+6,15%), Banco BPM (+5,78%), Moncler (+4,90%) e BPER (+4,62%).

Fra i più forti ribassi Saipem, che ha archiviato la seduta a -0,83%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+4,66%), Maire Tecnimont (+4,49%), IGD (+3,84%) e doBank (+3,83%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Astaldi, che ha chiuso a -2,96%.

In apnea Zignago Vetro, che arretra del 2,63%.

IREN scende dell’1,81%.

Calo deciso per Juventus, che segna un -1,62%.

Piazza Affari svetta in Europa con le banche. Ottimismo per Brexit e B...