Piazza Affari sprofonda nelle vendite insieme all’Europa

(Teleborsa) – Continuano a essere bersagliati dalle vendite i mercati del Vecchio Continente che fin da stamane hanno seguito la scia ribassista di Wall Street che ha pagato l’intenzione del Presidente USA Donald Trump di imporre nuovi dazi all’importazione di acciaio e alluminio. 

La mossa del presidente potrebbe scatenare un’ondata di protezionismo e intaccare la crescita globale. A impensierire gli investitori anche le parole di Haruhiko Kuroda. Il Governatore della Bank of Japan riflette su una possibile uscita della dalla politica monetaria ultraccomodante.

Anche Piazza Affari sprofonda in un rosso intenso, mentre è alle porte l’appuntamento di domenica 4 marzo, con le elezioni politiche italiane che potrebbero aggiungere incertezza sui mercati.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,229. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.318,3 dollari l’oncia. Seduta in frazionale ribasso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che lascia, per ora, sul parterre lo 0,44%.

Tra gli indici di Eurolandia pesante Francoforte, che segna una discesa di ben -2,06 punti percentuali. In retromarcia Londra che scende dello 0,93%. Giornata no per Parigi che scivola dell’1,74%.

Giornata nera per la Borsa di Milano, che affonda con una discesa del 2,21%: il FTSE MIB  scivola sotto i 22mila punti proseguendo in tal modo una serie negativa, iniziata mercoledì scorso, di tre ribassi consecutivi. Sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share crolla del 2,08%. 

Andamento negativo a Piazza Affari su tutti i comparti. Tra i peggiori della lista del listino azionario italiano, in maggior calo i comparti Automotive (-4,29%), Servizi per la finanza (-3,18%) e Chimico (-2,87%).

In questa pessima giornata per la Borsa di Milano, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Le peggiori performance si registrano su Fiat Chrysler che arretra del 5,44%. Pesanti anche i titoli della Galassia Agnelli con CNH Industrial in calo del 4,41%. In apnea anche Exor che arretra del 4,37%. In retromarcia Ferrari che mostra un -3,56%.

Tonfo di Fineco che mostra una caduta del 4,01%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Danieli (+2,15%), De’Longhi (+1,96%), premiata da un upgrade OVS (+0,85%) e Mutuionline (+0,79%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Juventus, che continua la seduta con -5,38%.

Lettera su Maire Tecnimont, che registra un importante calo del 3,90%.

Affonda Fincantieri, con un ribasso del 3,36%.

Crolla FILA, con una flessione del 3,32%>

Piazza Affari sprofonda nelle vendite insieme all’Europa