Piazza Affari si conferma in rosso. Scambi bassi e riposizionamenti in vista chiusura anno

(Teleborsa) – Non cambia lo scenario dei mercati europei a metà giornata: Piazza Affari resta la peggiore in un quadro caratterizzato da un andamento moderatamente negativo. I mercati proseguono così la fase di consolidamento e correzione avviata qualche giorno prima di Natale, in vista della chiusura dell’anno.

Sul fronte macro, sono arrivati alcuni dati positivi dal Giappone – vendite al dettaglio e produzione industriale – a conferma delle ottimistiche considerazioni della Bank of Japan contenute nel report dell’ultimo incontro di politica monetaria. In USA sono attesi nel pomeriggio i due dati settimanali sulle richieste di sussidio e sulle scorte di greggio, oltre alle scorte ingrosso e al PMI di Chicago.   

Seduta in lieve rialzo per l’Euro / Dollaro USA, che avanza a quota 1,194. Retrocede di poco lo spread, che raggiunge quota 150 punti base, mostrando un piccolo calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,90%.

Tra gli indici di Eurolandia trascurata Francoforte, che lima lo 0,11%, meglio Londra, che recupera lo 0,14%, incolore Parigi, con un -0,04%. La Borsa di Milano resta fra i peggiori con il FTSE MIB, che scende a 22.144 punti (-0,26%). Le peggiori performance sono quelle dei settori Chimico (-1,54%), Automotive (-0,80%) e Petrolifero (-0,64%).

Tra i best performers di Milano, in evidenza Banco BPM (+3,37%), dopo la conferma di target di patrimonializzazioni superiori a quelli chiesti dalla BCE. Effetto domino anche su BPER (+2,56%) ed Unicredit (+0,95%).

Brilla Generali Assicurazioni (+0,85%).

La peggiore performance al momento è quella diFineco, che cede l’1,20%.

Sotto pressione l’automotive, con Fiat Chrysler che scivola dell’1,03% e CNH Industrial dello 0,97%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari si conferma in rosso. Scambi bassi e riposizionamenti in...