Piazza Affari rimane cauta insieme all’Europa

(Teleborsa) – Continua all’insegna della prudenza la seduta delle principali borse europee. Sui mercati la cautela è d’obbligo, in attesa del job report statunitense, vero market mover della settimana. Il dato sull’occupazione, infatti, è considerato un indicatore importante per testare lo stato di salute dell’economia. 

Sul valutario, l’ Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,165. L’Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,20%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) archivia la giornata con guadagno frazionale dello 0,33%.

Tra i mercati del Vecchio Continente resta vicino alla parità Francoforte (+0,15%).Il Dax Index si posiziona a 13.477, 6 punti Londra mentre ha toccato massimi intraday a 13.505 punti, in corsa per arrivare a un chiusura da record.  Piatta Londra che tiene la parità, e senza spunti Parigi che non evidenzia significative variazioni sui prezzi e lima dello 0,09%.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta a -0,11%.Sulla stessa linea, si muove intorno alla parità il FTSE Italia All-Share che mostra un -0,09%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fiat Chrysler (+2,55%) dopo che ieri, a mercati chiusi, sono stati diffusi i dati di ottobre sulle immatricolazioni auto.

Corre STM che evidenzia un +1,91% sulla scia dei buoni conti di Apple.

Riprende quota Ferrari che mostra una salita dello 0,69%.

Tonica Campari (+1,35%). 

Lieve rialzo per Telecom dopo che ieri 2 novembre il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera all’esercizio della Golden Power.

I più forti ribassi si abbattono sui bancari.

La peggiore è  BPER che continua la seduta con -2,54%.

Prestazione negativa anche per il Banco BPM che scende dell’1,44%

Contrazione per Unicredit che soffre un calo dell’1,43%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari rimane cauta insieme all’Europa