Piazza Affari resta al palo con l’Europa

(Teleborsa) – Le borse europee e quella di Milano restano al palo al giro di boa, a dispetto dei segnali di rimonta offerti nel corso della mattinata, dopo alcuni dati macro dell’Eurozona.

In particolare, l’inflazione dell’Area Euro è risultata negativa, avallando l’opportunità del prolungamento delle politiche espansive della BCE, mentre il dato sul PIL ha evidenziato una forte accelerazione, segnalando che si iniziano a raccogliere i frutti.

A rendere cauti gli operatori sono però i persistenti segnali di debolezza dell’economia mondiale, in particolare il brutto dato del PIL americano. Attesi oggi altri importanti indicatori macroeconomici dagli USA.

Sul valutario, intanto, si registra una leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,14. Avanza di poco lo spread, che si porta a 123 punti base (+2 punti).

Tra le principali Borse europee, soffre Francoforte che evidenzia una perdita dell’1,33%, male Londra con un decremento dello 0,84%, tonfo di Parigi che mostra una caduta dell’1,78%. Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,48%.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in evidenza Banca Mediolanum, che mostra un forte incremento del 2,43%.

Buona performance per Luxottica, che cresce dell’1,76%.

Tonica Telecom Italia, che registra una plusvalenza dello 0,86%.

La peggiore resta Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che prosegue le contrattazioni a -2,82%. Male anche Banca Popolare di Milano, che soffre un calo dell’1,97%. Oggi è stato presentato il Fondo Atlante, che interverrà in soccorso delle banche in difficoltà. 

Lettera sul comparto automotive, con Fiat Chrysler Automobiles che registra un importante calo del 2,32% e Cnh Industrial dell’1,67%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari resta al palo con l’Europa