Piazza Affari resiste alle vendite

(Teleborsa) – Positiva la seduta finanziaria di Piazza Affari, mentre gli altri listini azionari europei risultano colpiti dalle vendite in attesa delle previsioni economiche di primavera della Commissione Europea.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,12. Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.280,7 dollari l’oncia. Giornata negativa per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 61,61 dollari per barile, in calo dell’1,03%.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +259 punti base, con un lieve rialzo di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,57%.

Nello scenario borsistico europeo sottotono Francoforte che mostra una limatura dello 0,59%, sotto pressione Londra, con un forte ribasso dell’1,03%, soffre Parigi, che evidenzia una perdita dello 0,73%.

Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,22%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 23.480 punti. Poco sopra la parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,58%), come il FTSE Italia Star (1,1%).

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti sanitario (+2,90%), alimentare (+2,76%) e automotive (+2,01%).

Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti bancario (-0,91%) e petrolio (-0,88%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Amplifon (+5,30%) e Ferrari (+4,18%) dopo la pubblicazione dei conti trimestrali, Juventus (+3,33%) e Diasorin (+3,15%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Fineco, che continua la seduta con un -4,02% dopo i conti e sulla possibilità che Unicredit esca dal capitale per renderla pienamente indipendente.

Preda dei venditori Unipol, con un decremento dell’1,38%.

Si concentrano le vendite su Saipem, che soffre un calo dell’1,34%.

Vendite su Unicredit, che registra un ribasso dell’1,20%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Piovan (+8,43%), IGD (+2,99%), Zignago Vetro (+2,97%) e Piaggio (+2,50%), quest’ultima sulla scia della trimestrale.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Danieli, che prosegue le contrattazioni a -3,36%.

In caduta libera FILA, che affonda del 3,09%.

Pesante Saras, che segna una discesa di ben -2,01 punti percentuali.

Seduta negativa per RCS, che mostra una perdita dell’1,79%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari resiste alle vendite