Piazza Affari prosegue incerta assieme alle altre Borse europee

(Teleborsa) – Proseguono le contrattazioni in rosso Piazza Affari e gli altri principali listini europei, che scontano le incertezze sulla Brexit ed i dati sul PMI manifatturiero dell’Eurozona, che conferma le difficoltà dell’economia dell’area della moneta unica. Cautela anche in vista di alcuni importanti dati macro americani, mentre si guarda alle trimestrali in Ue e USA.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,07%. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,38%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde l’1,08% e continua a trattare a 62,91 dollari per barile.

Lieve calo dello spread, che scende a +253 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,54%.

Tra i listini europei Francoforte è stabile, riportando un misero +0,07%, andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a -0,01%, e deludente Parigi, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

Sessione debole per il listino milanese, che scambia con un calo dello 0,37% sul FTSE MIB, interrompendo la serie di tre rialzi consecutivi, iniziata venerdì scorso; sulla stessa linea, cede alle vendite il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 23.854 punti. In frazionale calo il FTSE Italia Mid Cap (-0,25%); poco sopra la parità il FTSE Italia Star (+0,24%).

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti telecomunicazioni (+0,81%) e bancario (+0,43%). Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, in maggior calo i comparti materie prime (-2,49%), alimentare (-1,34%) e automotive (-1,20%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, buona performance per Unicredit, che cresce dell’1,20%.

Bilancio positivo per Recordati, che vanta un progresso dello 0,81%.

Sostanzialmente tonico Banca Generali, che registra una plusvalenza dello 0,64%.

Guadagno moderato per Mediobanca, che avanza dello 0,59%. I più forti ribassi, invece, si verificano su Ferragamo, che continua la seduta con -2,95%.

In rosso Saipem, che affonda del 2,92%.

Pesante Tenaris, che segna una discesa di ben -2,5 punti percentuali.

Seduta drammatica per Fineco, che crolla del 2,09%.

Piazza Affari prosegue incerta assieme alle altre Borse europee