Piazza Affari piatta. Spread sotto 280 punti

(Teleborsa) – Partenza debole per le principali borse europee con gli investitori in attesa di novità sul tema dei conti pubblici italiani mentre il Governo è al lavoro sul DEF.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,1%. Gli investitori iniziano ad ipotizzare un’accelerazione nel ritmo di rialzo dei tassi, negli Stati Uniti, complici i toni da falco utilizzati dal governatore Fed, Jerome Powell, che ha parlato di “solido outlook” della crescita statunitense. Sul fronte macro, gli addetti ai lavori guardano ai segnali di forza dell’economia americana, in attesa del Job Report di settembre in uscita domani.

Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.198,3 dollari l’oncia. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,29%.

Scende lo spread, attestandosi a 276 punti base, con un calo di 7 punti base, mentre il BTP decennale riporta un rendimento del 3,29%.

Tra i mercati del Vecchio Continente Francoforte, chiusa ieri per festivitàà, resta incollata sui livelli della vigilia. Si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,26%. Debole anche Parigi, con un calo dello 0,31%. Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 20.723 punti.

A livello settoriale, media (+0,66%), bancario (+0,59%) e telecomunicazioni (+0,56%) in buona luce sul listino milanese. Tra i più negativi della lista di Milano, troviamo i comparti costruzioni (-1,04%), alimentare (-0,66%) e utility (-0,64%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, si collocano le banche, come BPER, che vanta un progresso dello 0,97%. Tonica Fineco, che registra una plusvalenza dello 0,78%. Bene inoltre Intesa Sanpaolo, +0,71% e UBI Banca, +0,62%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Pirelli, -2,59%, fanalino di coda nel FTSE MIB.

Vendite anche su A2A, che registra un ribasso dell’1,27%.

Fuori dal principale paniere, attenzione alla coppia Salini Impregilo (-5,19%) – Astaldi (+17,77%) dopo che la prima ha annunciato di valutare opportunità di crescita e guarda anche al general contractor italiano.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Saras (+2,60%), Rai Way (+2,17%), Gima Tt (+1,52%) e Zignago Vetro (+1,26%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Salini Impregilo, che ottiene -5,98%.

Piazza Affari piatta. Spread sotto 280 punti