Piazza Affari piatta. Europa in calo

(Teleborsa) – Seduta al ribasso per le principali borse del Vecchio Continente. Tiene invece la piazza di Milano che si posiziona sulla linea di parità. Anche sul mercato statunitense si osserva un andamento in frazionale ribasso. Tra gli investitori crescono i timori legati all’inflazione ed ai rendimenti obbligazionari, in particolare quello dei titoli di Stato USA a 10 anni che ha raggiunto la soglia dell’1,60%.

Sul mercato valutario, lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,195. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,30%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) mostra un guadagno frazionale dello 0,05%.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +93 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,63%.

Nello scenario borsistico europeo deludente Francoforte, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia, performance modesta per Londra, che mostra un moderato rialzo dello 0,36%, e resistente Parigi, che segna un piccolo aumento dello 0,21%. Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 24.113 punti; sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share, con le quotazioni che si posizionano a 26.245 punti.


In luce sul listino milanese i comparti assicurativo (+0,89%), telecomunicazioni (+0,82%) e petrolio (+0,71%).

Nella parte bassa della classifica di Piazza Affari, sensibili ribassi si manifestano nei comparti sanitario (-2,44%), tecnologia (-2,14%) e viaggi e intrattenimento (-2,06%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Telecom Italia (+3,26%), Stellantis (+1,38%), Unicredit (+1,32%) e ENI (+1,15%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su DiaSorin, che ottiene -3,26%.

Pessima performance per Amplifon, che registra un ribasso del 3,03%.

Sessione nera per Inwit, che lascia sul tappeto una perdita del 3,00%.

In caduta libera STMicroelectronics, che affonda del 2,01%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Tod’s (+15,36%), Brunello Cucinelli (+8,24%), Danieli (+7,22%) e Dea Capital (+5,86%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Datalogic, che continua la seduta con -4,54%.

Pesante Autogrill, che segna una discesa di ben -4,25 punti percentuali.

Seduta drammatica per De’ Longhi, che crolla del 3,24%.

Sensibili perdite per Sanlorenzo, in calo del 3,15%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari piatta. Europa in calo