Piazza Affari parte in pole grazie a banche e petroliferi

(Teleborsa) – Buon avvio di giornata per Piazza Affari e le altre borse europee, che traggono vantaggio dalla rimonta delle banche, soprattutto quella milanese che viaggia in pole per il maggior peso che questo settore ha sul mercato interno.

A sostenere le piazze finanziarie del Continente contribuisce anche la performance positiva di Wall Street e la buona chiusura delle borse asiatiche, in attesa di conoscere le decisioni della Bank of England contro il rischio Brexit.  Fra gli eventi clou della mattinata anche il bollettino mensile della BCE.

Il petrolio ritraccia dai massimi toccati nella notte in Asia, ma si mantiene vicino ai 41 dollari al barile (+0,2%), contiorbuendo a sostenere il comparto energy. 

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,113. Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 126 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,20%.

Tra i listini europei, giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,64%, trascurata Londra, che resta incollata sui livelli della vigilia, bene Parigi, che riflette un moderato aumento dello 0,55%. Meglio il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dello 0,87%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano troviamo le banche, oggetto di vendite negli ultimi giorni: Unicredit sale del 3,27%, dopo aver presentato i conti ed annunciato la vendita del sistema pagamenti. Bene anche UBI Banca (+2,44%).

In battuta anche i titoli oil, con Saipem che guadagna il 2,22% e Tenaris l’1,80%.

Le più forti vendite su Salvatore Ferragamo, che apre le contrattazioni a -0,73%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari parte in pole grazie a banche e petroliferi